Città del 101 ° secolo: costruzione di infrastrutture XNUMX

L'infrastruttura è oggi un'esigenza comune. Spesso pensiamo alle città intelligenti o digitali nel contesto di grandi città con molti abitanti e molte attività associate alle grandi città. Tuttavia, anche i luoghi piccoli hanno bisogno di infrastrutture. Tieni conto del fatto che non tutti i confini politici finiscono sulla linea locale, ma estendono anche i servizi ai governi provinciali, regionali e nazionali e diventa improvvisamente evidente: la L'infrastruttura è un chiaro trasgressore di limiti, di necessità.

 L'idea che possiamo vedere luoghi intelligenti solo all'interno di spazi geografici più piccoli è semplicemente sbagliata. Non solo, ma la legislazione relativa alla gestione delle informazioni sugli edifici, alle pratiche di costruzione, alle applicazioni dei prodotti e alla sicurezza e alla costruzione delle persone spesso trascende anche i luoghi piccoli e grandi. Ci sono colli di bottiglia in cui GIS e BIM dovrebbero essere utilizzati. 

Le tecnologie hanno da tempo superato le frontiere, ma la politica e l'amministrazione GIS e BIM non sono riuscite a raggiungere il loro massimo ordine di utilizzo ed effetto.

 Le chiamavamo barriere verticali o tubi per stufe. Le prime applicazioni GIS e BIM erano profondamente radicate in aree localizzate, nel peggiore dei casi quelle con i dati governavano il progetto e non si avventuravano troppo nel mondo per paura di perdere il controllo. Fortunatamente, questo è cambiato molto, e non per le ragioni più logiche che potresti pensare. Contrariamente all'idea che le persone identifichino questi ostacoli localizzati allo scambio GIS e BIM e scelgano di condividere, si possono vedere altri fattori che guidano il cambiamento. Questi includono:

 

Il passaggio a software e applicazioni basati su cloud ha portato a una "facilità d'uso" che supera i limiti e fornisce a tutti uno spaccato di ciò che può essere utilizzato. Esistono molti meno data warehouse rigorosamente gestiti e le applicazioni di elaborazione sono ottimizzate per creare e connettere dati. Ciò a sua volta ha portato a un pensiero più integrato e lo sviluppo di progetti condivisi è diventato molto più robusto e forse più resistente.

 

  • Il passaggio a software e applicazioni basati su cloud ha portato a una "facilità d'uso" che supera i confini e fornisce a tutti una visione di ciò che può essere utilizzato. Ci sono molti meno archivi dati che vengono mantenuti rigorosamente e le applicazioni informatiche sono ottimizzate per la creazione e la connessione dei dati. Questo a sua volta ha portato a un pensiero più integrato e lo sviluppo di progetti condivisi è diventato molto più solido e forse più resiliente.

 

  • La mobilità ha davvero creato una connessione tra applicazioni da campo e da ufficio. All'improvviso una persona a 60 gradi di latitudine può condividere dati e connettersi a sistemi di dati di alto livello con un'altra persona a 10 gradi di latitudine, nessun problema. I dati mobili tendono a spostare e aggirare i blocchi stradali delle persone, supportando il team e una rete più ampia.

 

  • Si può sostenere che i primi progetti infrastrutturali che utilizzavano BIM e GIS erano troppo coinvolti nel confronto di una tecnologia con l'altra. Questi tipi di argomenti sul precedente approccio alla piattaforma desktop hanno strangolato la vita di pensatori e operatori creativi, coloro che cercano di perseguire tendenze e nuovi approcci e sono spesso indicati come leader di progetto che cambiano l'innovazione. Il fatto è che l'infrastruttura odierna non è solo basata su GIS e BIM, ma si stanno verificando anche altri cambiamenti e innovazioni tecnologiche. L'obiettivo oggi è quello di incorporarli, cercando di identificare dove e come potrebbero essere utilizzati e se forniscono maggiori prestazioni ed efficienza. Questi sono alcuni dei motivi per cui e come le tecnologie GIS e BIM stanno ora raggiungendo livelli di successo più elevati.

 

Si può sostenere che i primi progetti di infrastruttura che utilizzavano BIM e GIS erano troppo coinvolti nel confronto tra una tecnologia e l'altra. Questo tipo di argomentazioni sul precedente approccio alla piattaforma desktop ha strangolato la vita di pensatori e creatori creativi, coloro che cercano di inseguire tendenze e nuovi approcci e sono spesso indicati come leader di progetto che cambiano innovazione. Il fatto è che l'infrastruttura di oggi non si basa solo su GIS e BIM, ma si verificano anche altri cambiamenti e innovazioni tecnologiche. L'obiettivo oggi è di incorporarli, cercando di identificare dove e come potrebbero essere utilizzati e se forniscono maggiori prestazioni ed efficienza. Questi sono alcuni dei motivi per cui e come le tecnologie GIS e BIM stanno raggiungendo livelli di successo più elevati.

 

All'orizzonte c'è un mondo di intelligenza artificiale (AI) in attesa che mira a includere GIS e BIM nel mix per progettisti, costruttori, operatori e organizzazioni di infrastrutture che cercano di mantenere l'infrastruttura. A volte sembra che l'IA sia così spinta verso queste discussioni da sembrare magica per natura e tono. Tuttavia, parlando con professionisti dell'IA, puoi spesso sentire che gli impatti dell'IA sono in gran parte orientati alla comprensione dell'incertezza.

  L'intelligenza artificiale può fornire soluzioni e il suo obiettivo è spesso articolato in termini di prestazioni dell'infrastruttura: prestazioni migliorate. Tuttavia, il loro obiettivo è in gran parte ridurre l'incertezza, aumentando così le prestazioni. 

Proprio come il GPS ha contribuito ad aumentare l'uso della posizione in molte applicazioni, non può dirti, ad esempio, che il percorso che stai percorrendo ti troverà assolutamente a raggiungere la tua destinazione entro un minuto. Rimane molta incertezza nelle applicazioni GPS, anche se sappiamo dove siamo. Allo stesso modo, in termini di cantieri, l'IA vedrà un ritardo nei materiali, nelle azioni di sciopero o nel maltempo. Utilizzando le variabili del cambiamento climatico, chissà se la disponibilità di acqua cambierà o meno, il vento per la generazione eolica aumenterà o diminuirà o anche se la generazione delle onde potrebbe essere la generazione di energia più utilizzata anche nei laghi locali.

 Il punto è che GIS e BIM hanno avuto una crescita costante e continua per decenni. Durante questo periodo, molto di ciò che abbiamo conosciuto e a cui ci siamo abituati è cambiato e continuerà a cambiare. Le città intelligenti e le infrastrutture digitali stanno entrando in una fase in cui si acquisisce maggiore conoscenza. La rete di partecipanti allo sviluppo e alle operazioni dell'infrastruttura si sta espandendo allo stesso tempo. Avremo continuamente bisogno di avere una visione critica dell'incertezza delle attività di misurazione delle infrastrutture, valutarla in modo più ampio e iniziare a sviluppare strumenti che non solo descrivono e considerino ciò di cui abbiamo bisogno per le prestazioni, ma anche ciò che può essere compreso attraverso ciò non sappiamo di un determinato progetto. Questo è qualcosa come capire il ruolo dei dati spaziali rispetto a Aerospaziale.

In ogni caso, tieni presente che le città intelligenti e i gemelli digitali non sono solo per grandi risultati nelle città, ma anche per quelli in luoghi più piccoli, come i luoghi da cui proviene il cibo e dove viaggiano spesso i treni, aerei e automobili. Sarebbe interessante sapere quanti professionisti delle infrastrutture oggi vivono fuori dalle grandi città, giusto?

 

A proposito dell'autore

Jeff Thurston è un professionista GIS canadese ed ex editore di pubblicazioni geospaziali in Europa. Ha sede a Berlino, in Germania.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.