Master in geometrie legali.

Cosa aspettarsi dal Master in Geometrie legali.

Nel corso della storia è stato stabilito che il Catasto immobiliare è lo strumento più efficace per la gestione del territorio, grazie a questo si ottengono migliaia di dati spaziali e fisici associati a un terreno. D'altra parte, abbiamo visto che il file Master in geometrie legali, un interessante progetto dell'Università Politecnica di Valencia, e promosso dalla Scuola Tecnica Superiore di Ingegneria Geodetica, Cartografica e Topografica. L'introduzione di questo termine "Geometrie legali" è curiosa, quindi abbiamo individuato uno dei rappresentanti di questo Master per chiarire i dubbi che derivano dalla sua definizione.

La Dott.ssa Natalia Garrido Guillén, direttore del Master e membro del Dipartimento di Ingegneria Cartografica, Geodesia e Fotogrammetria dell'Universitat Politècnica de València, svela le basi del Master, gli alleati che hanno partecipato a questo progetto, nonché i motivi per cui è stato creato.

Geometria legale

Partiamo da una definizione di base, se cerchiamo il termine "Geometria giuridica" sul web è definita come l'integrazione della matematica nel diritto, più precisamente l'uso di figure geometriche per effettuare delimitazioni. Il dottor Garrido ci dice che questa definizione è corretta.

La Geometria Legale è proprio questo, la ricerca dell'integrazione del Diritto nei processi tecnici di delimitazione della proprietà, poiché questa, proprietà, non è altro che un atto giuridico. La domanda che rimane nell'aria è sapere se questa definizione è immersa in termini di portata del catasto. Natalia commenta che in un certo senso sì -è quasi uguale al catasto-, ma specificamente in Spagna, poiché lì non c'è catasto geometrico, poiché la mappatura non è stata formata fissando i vertici dalla demarcazione.

Inoltre, cerca di adattarsi, con un ritardo di cinque anni, a quella necessità di coordinare entrambi i mondi. E lo cerca fingendo che i tecnici siano quelli che guidano questo coordinamento, poiché è un accoppiamento che ha il suo punto comune nella geometria del pacco. Quindi sì, si inquadra nell'ambito giuridico, ma con l'intenzione, attraverso questo coordinamento, di inondare la sfera fiscale-tributaria facendo dipendere la seconda dalla prima. Inoltre, aggiunge che si applica sia ai beni pubblici che a quelli privati. Ruotando intorno alla proprietà, può essere esercitato sia privatamente che pubblicamente e, in entrambi i casi, in un'ampia gamma di possibilità.

Questo Master Si tratta di una proposta accademica dell'Univesitat Politècnica de València che, sebbene i Registrar abbiano dimostrato il loro sostegno, in termini globali ha una vocazione tecnica, e quindi l'Associazione spagnola dei geometri esperti è stata utilizzata come consulente specializzato. Tuttavia, e con l'intento di ricercare la necessaria sintonia con gli operatori legali, si è cercato di adattare l'agenda a diversi profili. Ecco perché il master si articola in due lauree differenziate che, pur essendo complessivamente interessanti, una affronta la parte più tecnica e l'altra quella prettamente giuridica, con l'obiettivo di poter integrare le informazioni di base di entrambi i giuristi, in il primo caso, come dei tecnici, nel secondo.

Come indicato dalla Dott.ssa Garrido, l'interessato potrà scegliere tra i suoi vari diplomi: Diploma di Specializzazione in Geometrie Giuridiche, Esperto Universitario in Georeferenziazione e Master in Geometrie Giuridiche. Ad esempio, chi desidera conseguire il titolo di Esperto Universitario in Georeferenziazione, riferito alla componente spaziale del Master, deve superare solo il modulo II, nello specifico le materie Topografia, Geodesia, Cartografia e Sistemi Informativi Geografici applicati al settore immobiliare.

Nel caso del Diploma di Specializzazione in Geometrie Giuridiche, devono essere superati il ​​Modulo I e il Modulo III. Per raggiungere gli obiettivi di studio, il candidato terrà corsi di perfezionamento via web - trasmessi in videoconferenza in tempo reale-; e successivamente registrato per accedere in modalità ritardata.

Vediamo ora, lo scopo del Master è che il laureato abbia gli strumenti necessari per effettuare una delimitazione geometrica dell'immobile ai fini catastali o catastali, hanno stabilito chiaramente la componente spaziale, quindi per questo la cartografia e la geomatica giocano un ruolo fondamentale. Il dottor Garrido sottolinea che non è possibile definire una geometria di proprietà, con le implicazioni che essa può avere in termini di conflitto e pace sociale senza avere i mezzi, le tecniche e le conoscenze più appropriate al riguardo, quelle di Topografia, Cartografia, geodesia e sistemi informativi geografici.

Allo stesso modo, si evidenzia che, sebbene siamo in un momento in cui si scommette sul catasto 3D, la laurea magistrale non è orientata verso un intervento catastale, anche se avrà degli aspetti che lo influenzano. In ogni caso, e sebbene le organizzazioni internazionali, come la FIG, scommettano sul modello 3D del Catasto da quasi un decennio, in Spagna sta solo iniziando ad essere implementato al momento, quindi affrontare questo problema specifico sarebbe impossibile. Ciò che questo master affronta sono gli aspetti dei diritti reali e dei limiti amministrativi che ricadono sugli oggetti geospaziali, e quindi danno un significato al catasto 3D oltre la mera rappresentatività tridimensionale.

Finora sappiamo che il Master è rivolto a professionisti che desiderano ricevere una formazione completa -legale e tecnologica- per il delimitazione precisa degli immobiliDefinisce quindi questo termine come l'intervento di un tecnico che dà certezza, affidabilità e riconosce la responsabilità del lavoro di definizione geometrica; qualcosa che, sebbene possa sembrare incredibile, non è un requisito essenziale in Spagna.

D'altra parte, ci sono grossi difetti nella delimitazione degli immobili, quindi la lacuna fondamentale da colmare è la mancanza di un profilo tecnico con una vasta conoscenza del diritto. Qualcosa di indubbiamente necessario se si tiene conto che la proprietà è una materia che emana dal diritto e ne è costantemente influenzata - limitazioni legali, servitù amministrative, aspetti urbani, legalità fiscale, ecc. -.

Parliamo dei cambiamenti accelerati nella tecnologia (virtuale, realtà aumentata, Iot) e nello sviluppo / uso spaziale, tuttavia, il contributo del Master alla 4a era digitale è incerto. All'inizio e dato che, come è stato detto, il Catasto 3D ha un'implementazione limitata in Spagna, a causa del fatto che include solo oggetti tridimensionali senza la definizione legale che interagisce con il loro ambiente, e un esempio di tutto questo sono le proprietà del tipo Deck per il quale non esiste una soluzione combinata per proteggerli. Allo stesso modo, le infrastrutture, soprattutto quelle sotterranee, hanno un impatto legale e fisico sulle proprietà sia private che pubbliche, e quindi sono molto importanti da tenere in considerazione nelle applicazioni di realtà aumentata. Pertanto, l'integrazione dei processi di geometria legale con BIM e ambienti simili è uno spazio da esplorare

Dopo aver conosciuto lo scopo della "Geometria giuridica", Natalia ci ha parlato dell'interoperabilità e protezione dei dati, sottolineando che la geometria giuridica è lo strumento per ottenere, elaborare, elaborare e convalidare i dati fisici e legali? Il sistema che racchiude queste informazioni e la sua diffusione è un'applicazione che riteniamo sia responsabilità dei governi di sviluppare.

Questo sistema che, attualmente in Spagna, è disperso tra le diverse organizzazioni, come il catasto, i registri immobiliari, gli enti di pianificazione urbana comunale e le amministrazioni settoriali (proprietari del demanio pubblico) .Quindi, uno degli aspetti chiave del Il contenuto del master è quello di fornire competenze per conoscere in dettaglio l'interoperabilità di questo sistema che non è solo valido per applicarlo nel breve periodo, ma anche per promuovere miglioramenti nel medio e lungo termine.

Diremmo quindi che Legal Geometry verrebbe a mettere in ordine una quantità di dati isolati, raccolti in modo disperso e senza uno scopo preciso. L'idea per la materializzazione del progetto viene da La Associazione Spagnola di Geometri Esperti che ha sollevato una nicchia formativa non coperta presso la Scuola Tecnica Superiore di Ingegneria Geodetica, Cartografica e Topografica del Politecnico di Valencia. Dopo aver valutato la fattibilità, ha sollevato la possibilità di sviluppare la propria laurea all'interno della sua gamma accademica che esplorerebbe questa esigenza di mercato.

Poiché si tratta di un master per formare esperti, gli insegnanti sono esperti nelle materie che insegnano, siano essi professori universitari (dell'Università Politecnica di Valencia e dell'Università di Valencia), o se provengono da organizzazioni ufficiali (National Geographic Institute , Catasto, Catasto ...) o il mondo del lavoro. In questo senso, per facilitare la riconciliazione con l'attività lavorativa degli studenti, le lezioni saranno trasmesse in streaming e saranno registrate per un'eventuale visione ritardata.

In relazione ad aiuti finanziari o borse di studio, il dottor Garrido ha affermato che "Attualmente non ci sono aiuti di questo tipo, poiché si tratta di un titolo di studio dell'Università Politecnica di Valencia, non è ammissibile agli aiuti ufficiali". L'interessato può iscriversi Dal sito del master sono presenti tutte le informazioni sui costi dei titoli di studio che possono essere richiesti.

 

Maggiori informazioni sul Master

Per concludere, consideriamo che lo spazio cambia continuamente drasticamente, per alcuni risulta essere un vantaggio, e per altri è un grosso problema. Il fatto di avere risorse e asset delimitati correttamente, consente di eseguire correttamente altri processi, e quindi contribuisce favorevolmente allo sviluppo geospaziale.

Si parla sempre di ciò che è necessario per qualificare un'area come Smart City o Smart City, va oltre l'integrazione di Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione, sensori o altro; davvero il primo passo è sapere cosa c'è, dove si trova e qual è il modo migliore per sfruttarlo.

Essendo chiari su tutti questi concetti, avendo informazioni territoriali aggiornate e automatizzate, e permettendole di essere accessibili a tutti i tipi di pubblico, possiamo iniziare a ripensare a cosa vogliamo ottenere e come ottenerlo. Inoltre, sono necessari professionisti qualificati con i migliori strumenti per affrontare tutte le sfide coinvolte nell'affrontare questa quarta era digitale. Puoi rivedere l'intera conversazione con la dott.ssa Natalia Garrido all'indirizzo  Twingeo Magazine 5a edizione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.