Modello di dominio dell'amministrazione del territorio - caso della Colombia

L'amministrazione della Terra è attualmente una delle principali sfide per i paesi. Non è un'aspirazione nuova, poiché la sua funzione è più che esplicita negli articoli principali della costituzione e nelle diverse leggi che regolano il rapporto degli abitanti con le risorse pubbliche e private della nazione. Tuttavia, c'è una tendenza internazionale per la formazione di sistemi nazionali che consolidano una politica nazionale in cui sfruttare i vantaggi che le tecnologie ora offrono, le esigenze della globalizzazione e, naturalmente, la domanda degli abitanti per l'efficienza del servizi pubblici.

Buona fonte Sono stato informato che la Colombia è attualmente in fase di adozione della norma ISO 19152, noto come Modello Terra amministrazione del dominio. Il LADM, oltre ad essere uno standard di applicabilità mondiale, è il risultato del consenso di molti specialisti nella gestione della proprietà, derivato dallo studio di come i diversi paesi del mondo lo fanno a seguito di quella dichiarazione del 1998 che prega la sostituzione dei tradizionali schemi catastali mediante l'utilizzo di modelli. Questo è il motivo principale per cui il LADM non può essere ignorato dai professionisti legati alle scienze della terra e nel caso della Colombia, come previsto, non viene visto come una soluzione in sé, ma da una prospettiva di semantica spaziale, come facilitatore per l'attuazione di una politica nazionale per l'amministrazione non solo dei diritti fondiari ma in generale dei diversi asset della nazione.

catasto multiuso

Cito il caso della Colombia, perché sarà necessario essere consapevoli dei suoi progressi, come un esercizio interessante che sarà senza dubbio visibile al di là del contesto latinoamericano. Nella prima fase, iniziata nella seconda metà del 2015, non solo è diventata evidente la sfida di allineare le diverse istituzioni legate alla gestione dei beni materiali e immateriali del Paese; L'evidente leadership e maturità che sono venute alla luce anche istituzioni come l'Istituto Agustín Codazzi, la Soprintendenza dei Notai e del Registro, e l'influenza della cooperazione internazionale che cerca di internazionalizzare le buone pratiche.

Geofumar in LADM sembra una decisione saggia, viste le sfide della pianificazione tradizionale e standardizzare le azioni di organismi quali il Programma di formalizzare proprietà rurale Unità di restituzione delle terre, l'Istituto Colombiano per lo sviluppo rurale INCODER e catasto decentrata in alcuni casi penso che abbiano condizioni migliori rispetto l'autorità nazionale della necessità di adattarsi ai cambiamenti.

le tendenze internazionali in gestione del territorio.

Devo insistere sul fatto che l'amministrazione fondiaria non è una scienza sconosciuta per la maggior parte dei professionisti nel settore del catasto-registrazione-gestione del territorio; Sarà una novità comprendere i modelli UML su cui viene presentato lo standard LADM e il modo per materializzarlo in uno schema istituzionale già esistente e di fronte alle piattaforme tecnologiche in funzione. Quindi, per completare questo articolo, recupero il valore delle tendenze irreversibili nell'Amministrazione del Territorio che sono state presentate in uno dei seminari della fase attuale e su cui difficilmente posso commentare quel confine al limite dell'ovvio. ma rappresentano le principali sfide del processo colombiano.

ladmy

La decentramento dei processi di aggiornamento delle informazioni, dai livelli centrali verso i governi locali, da una prospettiva di responsabilità non solo in materia di catastale fiscale ma anche legale.

  • L'incorporazione di sistemi transazionali attraverso il quale viene controllata l'operazione di rapporti di proprietà tra le parti interessate, compreso il governo in oggetti che rappresentano diritti di interesse pubblico. Un aspetto interessante di questa tendenza è che la centralizzazione non implica più burocratizzazione, poiché è integrata dalla prima tendenza, in cui gli operatori delle transazioni sono i governi locali, i soggetti privati ​​e le persone fisiche; ma operando i sistemi nazionali di transazioni di controllo.
  • L'uso di database con storia di dati amministrativi e geometrici, modellati sia nell'archiviazione di fonti documentarie che nel versionamento spaziale. Ciò implica non solo fare ricerche territoriali o piani di pianificazione, ma anche modellarne l'estratto in un'ottica di applicabilità sul patrimonio immobiliare e con riferimento alla sua versione attuale.
  • L'uso di modelli dati standardizzati indipendentemente dalle piattaforme tecnologiche, adottando norme che concettualizzino il modello logico da cui proviene sia il modello fisico che i processi; indipendentemente dal fatto che si utilizzi software proprietario o libero.
  • Architettura orientata al modello, noto in inglese come MDA (Architettura guidata dal modello). Aspetto non semplice, vista l'urgenza dell'interfaccia umana per alimentare i dati e il rischio di morire in tempo senza vittorie anticipate che giustificano i costi del cambio di mentalità.
  • Integrazione dei diritti sulla terra, uso del suolo e pianificazione territoriale, la relazione semplificata Oggetto-soggetto-LawMa ampliato a uno schema che permette di vedere il rapporto dei diritti al di là di quello che la legge definisce esplicitamente e può essere applicabile a beni materiali e immateriali.
  • Veduta del Catasto da una prospettiva di ciclo di vita, con l'obbligo di pensare al 3D, che sebbene non sia un'urgenza di visualizzazione a causa dell'impossibilità di completare la copertura 2D, deve essere incorporato anche a livello amministrativo per l'urgenza urbana della proprietà orizzontale e la necessità di essere pronti a 4D, non solo da a ottica BIM ma perché il rapporto con il tempo occupa solo l'automazione.
  • L'orientamento verso semplicità e semplicità d'uso, il che implica la depenalizzazione della proposta della Banca mondiale di finalizzare il catasto mondiale a breve termine usando il punto della trama come base urgente ma integrato nel registro delle proprietà, relegando la precisione per quando abbiamo tempo -e argento-. A quel punto potremmo renderci conto che tutto il mondo ha fatto il resto in stile OpenCadastreMap.
  • La integrazione multidisciplinare di persone legate all'amministrazione del territorio, ognuna facendo le proprie cose, nel proprio sistema, ma replicando in un modello di scambio dati secondo standard di interoperabilità. Ovviamente, questo implica non vedere la tecnologia come un fine in sé ma come un modo per raggiungere un obiettivo identificato; Implica l'aggiunta graduale di attori, evitando di scartare specialisti esperti a causa della loro incompatibilità con la tecnologia, ma anche consentendo ai giovani di essere pronti a prendere il sopravvento su un percorso che sicuramente richiederà diversi anni.
  • La sfida della Colombia con il LADM

Suggerisco come esercizio mentale di applicazione generale, di dare seguito a ciò che farà la Colombia, che a dire il vero non è facile, ma che con la volontà politica e la persistenza per gli alti obiettivi della nazione sicura saranno in grado di sfruttare le opportunità che ora Si presentano -che sarebbe già in altri paesi- Tra quelli che si intravvedono:

  • ladmhL'incorporazione di diritto pubblico come un record spremere più ricchezza e cartografica diventa diritti, le restrizioni e le responsabilità di entrambi gli enti pubblici e soggetti privati.
  • Lo sviluppo di progetti pilota catasto multiusoSotto una vista semplificata di un record catastali, delegando la responsabilità per l'aggiornamento dei dati.
  • La formazione di un nodo di gestione del territorio entro il colombiano Spatial Data Infrastructure ICDE, come un modello che va oltre la fornitura di geoportali dati standardizzati.
  • Aggiornamento metodologie che semplificano le prestazioni dei governi locali e la dipendenza da politiche centrali, soprattutto per quanto riguarda valutazione dei beni immobili, ma anche l'apertura ai metodi di sollevamento, semplificando il «fresco»Della complessità e precisione dovute alla preminenza di mantenere aggiornati i dati.
  • la tenacia battaglia con il poligonoPrima lo scenario inevitabile del paese da utilizzare ESRI quasi come una versione geomatica di Dio e la testardaggine di ISO-19152 affumicato mantenere l'arco-nodo come l'unico modo primitivo di spiegare l'universo.
  • integrazione catasto in un unico sistema transazionale, in cui è possibile vedere non solo chi è una persona fisica / giuridica / pubblica ma anche i diritti consolidati in materia di proprietà immobiliare, la sua geometria e gli oneri legali e amministrativi. Questa sfida, al di là della trasformazione istituzionale -che non è urgente- implica un cambio di mentalità nella panoramica dei record, come le responsabilità dello Stato, al di là della intervento urgente di progetti con buone intenzioni, ma con l'aspirazione di convergere su politiche pubbliche di interesse nazionale.
  • La visibilità internazionale di LADM I platanizado alle particolarità di ciò che i colombiani hanno fatto per molti anni.
  • ladmcol6

La lista dei desideri è infinita e in senso buono, persino utopica. Ma quella stessa sensazione è capitata a chiunque 14 anni fa quando il suo mentore gli ha dato due documenti che avranno cambiato il suo modo di vedere il mondo; soprattutto se questi documenti fossero la bozza della Proposta Catastro 2014 della FIG e l'abstract di Chrit Lemmen «Modello principale di dominio catastale«.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.