CAD, GIS, fare entrambe le cose?

... capacità di vendita fabbricazione Il software libero è più difficile convincere un ufficiale di commettere un crimine punibile (pirateria) Con che cosa fa software costosi.

cad o gis Recentemente Bentley ha lanciato una campagna per promuovere Bentley Map, usando come argomento, che non è necessario pensare separatamente se entrambi possono essere gestiti da un singolo strumento. Su questo, molti commentano che siamo molto vicini a ridurre il divario e smettere di usare le parole CAD / GIS separatamente.

Ci sono diversi punti di vista, un po 'per motivi economici, altri altri speciali per testardaggine, ma in pratica sia il progresso tecnologico, ancora alle prese con lo stesso problema.

1. La pratica Succede che per attuare una catastra (per esempio utilizzando un), la costruzione del vettore, di linee che allungano, tagliano, ruotano, trascinano, caricano immagini, ecc. continuare ad essere eseguito in AutoCAD o Microstation. Se chiediamo ai tecnici perché lo preferiscono, diranno:

ArcGIS non è pratico per quel

gvSIG dispone di strumenti, ma corre molto lento (su Windows)

Collettore è sconosciuto e non ha abbastanza strumenti

editing Line è più facile che i poligoni

Il supporto non è uguale IntelliCAD

Quindi dobbiamo fare tutti gli edifici spaghetti, nei livelli, colori, rispettivi spessori, per poi passarlo ad ArcGIS e lì costruire i poligoni. Quando lo facciamo, troviamo errori topologici (che non riconosce il CAD), apportiamo modifiche e torniamo a fare le modifiche nel vettore, con un ciclo che in processi massicci termina un giorno. Ma nella routine quotidiana di aggiornamento permanente, cambiare il CAD e il GIS è una lattina che alla fine diventa dati incoerenti.

gvsigguatemala1

Quindi, se facciamo qualcosa al di là, abbiamo messo un database spaziale (nuovamente, a titolo di esempio), le coordinate CAD, che vediamo in tre decimali ma hanno una precisione superiore ai decimali 10, ne hanno solo tre, il che significa che il vettore non è più esattamente lo stesso, purché non influenzi la velocità dei processi nel database. Qui l'aggiornamento senza criteri topologici è molto più complesso.

Per quanto riguarda lo sviluppo economico, una piccola città dovrebbe investire in software costruire vettori e accurata un altro per fare belle mappe. Se il comune è avaro o (ritiene che) non richiede un programma di engineering per utilizzare almeno un AutoCAD Lite e un ArcGIS più due estensioni; comunque è economico, sono più di $ 4,000 (senza addestramento). Coloro che hanno lavorato con i comuni sapranno quanto costa vendere questo importo a un tesoriere che comanda più del sindaco.

So che esistono comuni che non dispongono di queste barriere, ma la generalità del contesto ispanico ... vive questa realtà per motivi di voler fare GIS e CAD senza fumare astrale.

2. Il GIS dovrebbe avere funzionalità CAD

Capisco che quando c'è ArcView 3x non è stato possibile implementare topologie strumenti di gestione della costruzione del vettore, ma a questo punto non capisco il motivo per cui abbiamo strumenti di GIS fare solo ciò che il CAD (cose 30)

  • Pulsanti 12 per creare (linee, archi, cerchi, polilinee, punti ...)
  • Tasti 12 per la modifica (parallelo, copia, spostamento, rotazione, estensione ...)
  • Un pratico controllo a scatto (mi dispiace per la mia insistenza e sul CAD)

Sicuramente queste cose li hanno già, ma ci lamentiamo della procedura. Dovrebbero essere simili a come sono fatti i programmi divulgati, con una facile gestione delle direzioni, distanze, coordinate, estensione, trascinamento, ritaglio ... niente astrale, proprio come fanno AutoCAD o Microstation. A questo proposito, la cosa migliore che abbiamo visto è stato lo sforzo di gvSIG, che invece di reinventare il modo di creare vettori, è stato adattato alla forma di farlo con AutoCAD, con milioni di utenti nel mondo che lo fanno (consapevole che AutoCAD ha procedure arcaiche). Il lavoro rimane maturo nella velocità di lavoro quando vengono caricate immagini pesanti o file di grandi dimensioni; certo che in Linux funziona meglio, ma non in Windows, e, a una forte sfida per convincere il mondo che l'apertura non deve minimizzare.

3. C'è il CAD che già fa GIS

Nel caso di Bentley Map e AutoCAD Map, la posizione è stata quella di creare funzionalità GIS per gli strumenti che sono stati utilizzati per l'ingegneria. L'anticipo è stato significativo, non c'è dubbio, ma a oggi molte funzionalità di visualizzazione e pubblicazione (mappe dipinte) sono deboli in ciò che fa (o meglio) il GIS. Credo anche che la praticità di implementazione per lavori semplici sia ancora ... tirare i capelli; in caso contrario, vediamo quanti utenti ci sono di AutoCAD (milioni) e quanti (che vorrebbero) di AutoCAD Map (o Civil 3D); non a causa di problemi di prezzo, perché il confronto potrebbe essere lo stesso se lo facciamo con utenti che usano le licenze in modo piratato. Quasi lo stesso si comporta con Microstation e Bentley Map, senza entrare in aspetti di pubblicazione e interoperabilità (per favore).

4. CAD e GIS sono due argomenti diversi.

C'è una posizione (basata) che afferma che entrambi gli argomenti sono due aree specializzate e che non ci sarà capacità di fare entrambi con lo stesso strumento; parte di quella postura eredita la nostra percezione di alcuni anni fa:

... CAD è per realizzare vettori accurati e GIS per le bellissime mappe.

Ma questa specialità presa di posizione, nella misura in cui gli standard sono maturati e di essere fatta propria da software non libero, perde rigidità, iniziative come l'OGC dal lato GIS, l'attuazione del concetto topologia, l'uso del xml che avanza al concetto BIM sul lato del CAD, tra gli altri, che ha reso il CAD non essere visto come il tavolo da disegno ma parte del lavoro di specialità reali (Architettura, Ingegneria Civile, Topografia, ecc.).

La tendenza dice che la specialità non sarà nel software (CAD / GIS) ma nell'area di applicazione. Per fare un esempio, la progettazione di strade dovrebbe essere una specialità del software che lo fa, con l'accuratezza del CAD e le capacità di servirlo ai programmi che useranno l'asse per fare la cartografia in un contesto GIS. Allo stesso modo, lo shapefile dovrebbe passare alla storia e i dati GIS essere una rappresentazione grafica o tabulare della realtà la cui geometria può essere modificata dal lato GIS, consultare i suoi attributi, conoscere le sue connessioni ad altri dati; mentre dal lato GIS le sue meravigliose rappresentazioni, il collegamento ai dati e la possibilità di modificare con la precisione che avrebbe CAD.

Ma per questo ... siamo sinceramente lontani, non perché non ci sono stati già formate, piccoli strumenti già fanno molto, ma devi spostare le grandi marche del software per attuarla in modo pratico.

4. Come la vedo io

Penso che per un po 'continueremo a utilizzare due programmi per rappresentare la stessa proprietà: modificarne il vettore in CAD, analizzarlo in GIS e modificarlo in entrambi. A mio parere, molte cose che facciamo abbiamo caricato così tanto affumicato che ha perso la semplicità del suo uso per scopi pratici e il marketing tecnologico (un problema) ha fatto dimenticare la ragione dell'ingegno umano (risolvere i problemi).

image42 Il tavolo da disegno ha avuto la sua gloria, perché nessuno ha inventato un altro modo per realizzare i disegni a mano, ma sono state aggiunte delle bozze elettriche ma la sistematizzazione della loro pratica non era nel materiale del tavolo ma in quello che stavamo facendo lì. La cartografia è stata quella di creare mappe in scala sistematica e standard di pertinenza, abbiamo pensato di stamparlo ma non abbiamo mai dubitato del suo utilizzo per scopi umani.

Non dovremmo perdere la coscienza, perché ora la tecnologia dovrebbe rendere le cose più facili per noi e promuovere lo stesso USO. Quindi, dovrebbe arrivare un momento in cui l'investimento si ferma a formati, processori, pixel, etichette e marchi, per investire tempo nel motivo per cui sono stati creati: IL TUO UTILIZZO. Prodotto come prima, per dedicarci a generare affari, ricchezza e benefici per le persone.

Ma l'idea è irreale e, secondo me, nei prossimi anni 5, per la maggior parte dei progetti del livello sollevato all'inizio, continueremo a fare le stesse cose (vediamo che non finiamo per farlo in Google Earth). E i produttori di software CAD / GIS:

  • Sul lato ESRI, forse vediamo miglioramenti nella capacità della costruzione CAD, non speriamo di riuscire a utilizzare nuovamente la tabella di disegno.
  • Sul lato AutoDesk, popolare Civil 3D per rendere l'associazione come parte dell'ingegneria. Idea che mi sembra giusta.
  • Sul lato di Bentley promuovi PowerMap per CAD a basso costo per avere funzionalità GIS, e forse per facilitare lo sforzo di implementazione.
  • Dal lato del software a basso prezzo: Manifold, Tatuk GIS, Global Mapper, IntelliCAD, guadagnano terreno facendo ciò che il software di marca non fa.

Se il software open source (sostenibile) attraversa questa barriera, certamente ci torneremo tutti a guardare lì, non solo economico (che abbiamo già visto), ma risolvendo problemi comuni (che già sta facendo) e un marketing globale più aggressivo di pirateria.

Pessimista, forse; deluso, certo. E tu: come lo vedi?

6 Risposte a "CAD, GIS o entrambi?"

  1. Ciao Cesar

    Quello che succede è che le coordinate del tuo sondaggio come UTM sono uguali a quelle che potrebbero esserci in 60 possibili aree UTM del mondo, quindi devi definire in quale ti trovi. Inoltre, il Datum è l'ellissoide di riferimento, per darti un'idea, come se il WGS84 fosse a livello del mare e un altro Datum come il NAD 24 passato a 3,000 metri sopra, il sito potrebbe essere lo stesso e ad un certo punto il battito del cuore e La lunghezza è la stessa, ma le distanze proiettate su questi due diversi sferoidi non sono uguali. Ecco perché il sistema UTM è spesso chiamato "proiettato".

    Per fare ciò in ArcGIS, fai clic con il tasto destro sul livello a cui sei interessato in georeferenziazione e scegli l'opzione "proprietà", quindi nel pannello che appare scegli la scheda "fonte".
    Lì, c'è un pulsante per scegliere la "fonte", quindi si entra e lì si trova un sistema progettato (UTM), quindi si sceglie la zona corrispondente e se ci si trova nell'emisfero settentrionale o meridionale.

    Con questo il tuo file è georeferenziato al dato e alla rispettiva zona.

    Un saluto.

  2. buongiorno, mi congratulo con l ottimo blog che gestisce ho Tego dubbi sono diventato un file DXF SHP mio file CAD è georeferenziato e anzi nel GIS, che tra l'altro l'uso di ArcGIS mi 9.3 apparire le coordinate, ma come non identificati so che mi metterò il dato informazioni ed è, ma non come mi gustari che questo yaque've cercato ovunque sul web, ma non riesco a trovare risposta reale saremmo grati si potrebbe risposto alla mia domanda si prega sono utm cordenadas con gsw84

  3. «» »Jose Maria ha detto: Marzo 16, 2010 - 8: 36 pm
    come passare un disegno in cad a arc gis o in arc view »» »

    resp: dalla mappa autocad esporti le linee di forme, poligoni (creando topologie) e punti.

    per risolvere i problemi di errori topologici in CAD ci sono molte erramients come Autocad disegno mappa aiuto clenup eseguire il debug i file CAD prima dell'esportazione o l'uso, in quanto correlato a forme objectsdata o strati. anche in ArcGIS e altri software GIS come OpenJUMP esistere validatori topologici nel mio caso io uso i due avendo encuenta in ArcGIS è importante xy risoluzione (tolleranza) e q che dipende dalla qualità dello strato, con OpenJUMP può guardare poligoni con fori o vertici a una distanza minima sono necessari angoli più piccoli.
    saluti

  4. Da ArcGIS lo si carica come uno strato, quindi lo si inserisce in Featureclass

  5. come passare un disegno in cad all'arco gis o all'arco visivo

  6. Ciao

    Vedo che parli dell'esperienza di un "CADISTA".
    Prima le cose già noto: Entrambi i software hanno differenti orinetaciones.El sanno cuendo utilizzare uno o l'altro è cose utenti. Far finta di non utilizzare un colpo di una casa (CAD) in un GIS per me è un software di analisi piuttosto che uno che HACA belle le mappe (per che questo MAPublisher o Corel, ecc).

    L'implementazione del concetto di topologia sul lato del GIS negli anni di arcinfo sembrava una buona soluzione per la soluzione di errori topologici. Dal mitico Arc / Info, esri ha quei pulsanti su cui parli:

    - pulsanti usati per creare (linee, archi, cerchi, polilinee, punti ...) a meno che non si parli di cose che non ti piacciono:

    - pulsanti per modificare (parallelo, copiare, spostare, ruotare, estendere ...). Quelle stesse li hanno a meno che non si riferisca a qualcos'altro.

    -Un pratico controllo a scatto ... «Unisci le linee che si trovano a una distanza di 10 m ...» Quello? "Tagliali dove si intersecano" ... Quello? «Estendere l'arco per intersecarne un altro» ... Quello? Come in CAD, allora?

    D'altra parte i desideri dell'integrazione software vanno di pari passo con l'attività degli utenti, per esempio, per esempio, chiedo una maggiore integrazione tra ARCGIS Splus o Matlab ad esempio ...

    Credo che per cosntruccion di un progetto GIS, il diagramma di flusso per il mio serio: contrucción CAD basati su vettori, banca dati alfanumerica in ArcGIS, la costruzione e l'analisi delle immagini in ERDAS (al contrario pensa che un immagini CAD sono solo il supporto di sfondo e nessun dato con informazioni con è nel GIS) e la modellazione in ARCGIS.

    Poiché ARCGIS (da ARC / Info, almeno UNIX) gestisce doppie presizioni nelle coordinate dei vettori, non ci sarebbe alcun problema di perdita di precisione. Quindi SOLO manca che CAD possa risolvere gli errori TOPOLOGIC e l'unione di GIS / CAD sarebbe una luna di miele.

    Tuttavia, tutto ciò è nel campo del software dal momento che nel liveware, CADISTS dovrà imparare a gestire i propri progetti in modo più ORDERLY (i fiumi in uno strato e le strade in un altro) odio ricevere informazioni CAD con poligoni che non sono tali, linee senza continuità topologica (solo grafica), e archi che rappresentano fiumi in strati che rappresentano strade….

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.