Come è stato il mappa del mondo in 1922

Quest'ultima edizione di National Geographic porta due argomenti di grande interesse:

Da un lato, un ampio resoconto del processo di modellizzazione della ricchezza mediante sistemi di acquisizione laser.

Laser 

Questo è un oggetto da collezione, che spiega la complessità del lavoro sui volti del Monte Rushmore nel Dakota del Sud e il fregio degli dei indù con le loro compagne in Rani Ki Vav, la fossa sfalsata dell'XI secolo nell'ovest occidentale India.

L'altro oggetto di raccolta di questa edizione è la mappa dell'anniversario degli anni di 125, che consiste in una copia di centimetri 50 x 75 dalla prima mappa di riferimento generale del World of National Geographic Society, pubblicata nel dicembre di 1922 e che riflette il drammatici cambiamenti dei primi del Novecento dopo la prima guerra mondiale.

È interessante ed educativo in materie che abbiamo visto appena sopra nella classe di studi sociali di quel nono grado presso l'Istituto Alfonso Guillén Zelaya. Questa mappa ridisegna i confini politici dell'Europa e del Medio Oriente dopo il Trattato del 1919. Fu in questo periodo che la Germania perdente fu oggetto di derisione e i suoi territori in Africa e nel Pacifico passarono nelle mani dei vincitori. Gli esploratori avevano raggiunto i poli sud e nord, sebbene vaste distese ricoperte di ghiaccio degli oceani artico e antartico rimanessero inesplorate.

Nat Geo mappa del mondo

Certo, esisteva più cartografia, ma è stato un risultato straordinario per il National Geographic pubblicare una mappa "ufficiale" dell'esito di una prima guerra mondiale, in cui una media giornaliera di 6,046 persone al giorno morirono per quattro anni. Sulla mappa puoi vedere curiosità che solo in questo modo possiamo apprezzare, come ad esempio:

  • L'Iran era ancora chiamato Persia. Già qui c'è quella che in seguito sarebbe stata chiamata Unione Sovietica dopo la trasformazione dell'Impero dello Zar. La Turchia appare anche dopo la dissoluzione dell'Impero Ottomano. E dalla dissoluzione dell'Impero austro-ungarico nascono lo Stato d'Austria e le Repubbliche di Ungheria, Cecoslovacchia e Jugoslavia. 
  • Puoi vedere il mandato giapponese su gran parte delle isole del Pacifico; quella posizione che gli ha dato l'aria di un liberatore e lo ha reso un tiranno per la seconda guerra mondiale. Ricordo ancora la versione di sinistra del mio insegnante, quando ci spiegò che il Giappone invase in un'aria di liberazione dei territori colonizzati dai grandi imperi britannico e francese, poi se ne dimenticò e finì per essere un altro colonizzatore che fece un casino tremendo con i grandi.
  • La mappa mostra le rotte aeree provvisorie, che a quel tempo erano nuove da apparire sulla mappa. Le rotte aeree in esercizio appaiono in una linea continua, che sono solo brevi tratti all'interno dei continenti. Nella linea tratteggiata compaiono qui le rotte autorizzate ma non in esercizio, Buenos Aires - Rio de Janeiro, e un tratto dalla fine del Brasile al Senegal in Africa. Altre rotte intercontinentali appaiono solo come volate ma non adottate commercialmente.
  • La mappa presenta piccoli intarsi di correnti oceaniche, venti e densità di popolazione. I più alti sono oltre 400 persone per miglio quadrato, in cui figurano solo la Cina orientale, il Giappone meridionale, l'India centrale e la Francia settentrionale. Tra 100 e 400 abitanti per miglio quadrato sono l'Europa centrale, l'India, la Cina, gli Stati Uniti solo un puntino a New York. A quel punto gli Stati Uniti non erano nessuno, tranne l'unico paese industrializzato d'America, ma la loro partecipazione gli ha aperto la strada per posizionarsi nel mondo come creditore e nuovo colonizzatore.
È interessante notare che ci ricorda come si è concluso un conflitto e come le condizioni erano pronte per un secondo che è appena esploso 17 anni dopo.
 
Per acquistare la versione digitale:
Non ho idea se la mappa viene in questo o solo nella versione stampata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.