Egeomates: Previsioni 2010: GIS Software

Un paio di giorni fa, nel caldo di un bastone che la mia suocera fa stavamo facendo alcune allucinazioni sulle tendenze fissate per il 2010 nell'area Internet. Nel caso dell'ambiente geospaziale, la situazione è più statica (per non dire noioso), molto in questo è già detto a medio termine dai grandi marchi, ma non per sprecare la tazza di caffè questa volta e il preambolo di fine anno, qui va.

Software commerciale (non gratuito): poche novità.  Il posizionamento tra ESRI, Bentley e AutoDesk non sembra variare, (almeno nell'ambiente ispanico) e come per l'innovazione da quasi cinque anni che la novità del xml e l'interazione con gli standard OGC cessano di essere sorprendenti.

Inoltre, non importa quanto è stato sostenuto, migliorare le capacità di editing vettoriale nel GIS e la visualizzazione nel CAD sono argomenti che vanno molto.

autocad2008vn2dd6 Così, nel caso di AutoDesk, la maggior parte che vedremo è AutoCAD 2011, in cui le persone stanno già abituando al nastro contestuale (Nastro) e inizia a considerare quanto sia stata preziosa quell'occasione. Civil 3D potrebbe riservarci sorprese, ma non molto, la maturità del software e l'equilibrio per non disorientare gli utenti con tante cose folli rimarranno. Inoltre, come sappiamo, AutoDesk non fa notizie estreme negli anni dispari (Rilascio, non calendario), solo trucco, questo ci rassicura come vedremo un nuovo formato .dwg anche in 2011 quando viene annunciato AutoCAD 2012.

20080812_Luxology_Bentley_thumb In caso di Bentley Vedremo cose più pazze, ma solo al livello del fumo estremo.   I-modello Al momento interesserà solo Project Wise e Publisher, anche a livello di proposta, perché a mio avviso Bentley cerca di recuperare il suo valore aggiunto selezionando e diffondendo l'XFM, che prevede a medio termine non vedremo nel 2010. Forse per quest'anno diamo un'occhiata alle prime implementazioni di Bentley Cadastre che partecipa alla Lasciatevi ispirare, sì, dovrebbe essere affumicato al sublime, di cui ho tre piccoli suggerimenti che preferisco non rivelare.

ESRI Per quanto riguarda l'ESRI, non ho la minima idea di ciò che potevamo aspettarci, Una versione 9.4?, Ne dubito. Per strumenti con quel livello di posizionamento (nelle vendite e nella pirateria) è difficile sentire di poter maturare di più, anche se gli amici del aperto farlo sulla parete Macondo.

Per quanto riguarda GIS collettore Sarebbe molto aggressivo, forse prima di giugno vediamo Manifold 9. Nel poco che abbiamo letto nei testamenti magisteriali rilasciati da Dimitry, percepisco l'insistenza con CUDA e continuare a forzare le persone ai bit 64, che è quello che chiamano velocità. Peccato, perché tempo fa avrebbero dovuto stringere accordi con i grandi, almeno con i formati dwg e dgn che sono rimasti a un livello mendicante giustificato dalla loro ironia che oscilla tra il reale e il cattivo gusto.Avatar

Se qualcosa da aspettarsi da Manifold è che questi amici fumano del verde, Non ci stupiremmo se aggiungessero al giocattolo molte più folli funzionalità, che poco a poco migliorano la sua posizione rispetto a quelle grandi. Ma secondo me, vedremo più pazzi a livello di database e interoperabilità, poco a livello di costruzione e modifica dei vettori.

 

Open source: ricerca della sostenibilità. Nessuno ha detto che questo non è commerciale, i termini libero e non libero sono adeguati per separare i segmenti.

Mere apprezzamenti, ma a mio avviso, gvSIG con la sua versione stabile 1.9 continuerà a risolvere piccoli insetti e creare alleanze che danno sostenibilità e posizionamento. Questo termine sembra complicato, se diamo il microfono ai sociologi, mi piace di più come lo descrivono gli agronomi:

Alcuni alberi non costituiscono una foresta, perché deve essere un ambiente favorevole e una certa quantità da considerarsi sostenibile.

In caso di gvSIGDeve seguire quelle alleanze che ha avviato verso l'Europa, l'interno della Spagna e l'America Latina. Un motivo fondamentale:  gvsigvalencia che darà continuità a versioni pazzesche come Windows 7 se governo non è molto interessato a continuare Don Bill Gates, o le mille varianti che si trovano nei repository di Linux. E per questo, è necessario creare reti di sostenibilità del contesto ibrido: università, settore privato, settore pubblico, che possono essere pronti per quando vedremo le cose da gvSIG 2.0.

Logo (1) Il caso del ruolo svolto da iniziative come OSGeo, FIG y Aprire il Consorzio GIS, si prevede che continueranno a spostare il pavimento nella fattoria, con una maggiore rappresentazione della comunità ispanica e l'equilibrio tra la libero e non libero.

Gli altri non sono liberi, probabilmente abbiamo una nuova versione di GIS portatile, che aggiornano piattaforme stabili e integrano un paio di cacciaviti in più. Secondo me, vedremo poco di nuovo con gli altri che hanno già raggiunto la maturità, come Quantum GIS, Erba e Udig; hanno maggiori pressioni per costruire la sostenibilità che per fare innovazioni.

portablegis

Non escludo notizie interessanti, quello che succede è che come le piccole iniziative (non gratuite), la loro capacità di fare rumore hanno scarso impatto sull'ambiente ispanico. Almeno, non come gvSIG, quello con ogni piccola unghia ottenere la medusa per volare, una strategia che ha lavorato più per essere sistematico rispetto alla dimensione del brad; e che costruisce la sostenibilità.

Se dalla mia parte esterna, avrei rilasciato alcune preferenze che ho per il Software non libero, che cosa succede è che gvSIG deve pensare agli utenti di Widows (il 95%) che con le trame 90,000 subiscono la lentezza dell'ambiente Java e che le diverse politiche impediscono loro di andare a Linux romplón.

Anche un sacco di open source intorno a quello che succede con MySQL, ora che Oracle ha la frizzante perfetta tra il secondo e il terzo dito (più il terzo). In parte buono, perché molti si aspettano notizie folli da PostgreSQL e PostGIS.

Altre erbe: Lo imprevedibile.  Google Earth, secondo me in circa tre anni potrebbe avere molte capacità di costruzione e analisi sul sguattero kml e servizi OGC.0_google_earth_pro_01  È probabile che il fatto di inserirlo a Braca come standard al Consorzio produrre frutti su sviluppi di terze parti, questo farà che Google insista a dargli il valore che merita (a loro), una piattaforma di navigazione gorilopólica.   (Quest'ultima si intende nel contesto delle zone UTM 15 e 16 più l'effetto del caffè di questa signora

Cos'altro potrei dire, questo è il quartiere dei prodotti che si trovano qui.  Cadcorp, MapInfo e SuperGIS provengono da un altro quartiere, e questo mantiene il posto nella miopia della fattoria locale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.