Il Sistema Nazionale di Property Management Sinap

honduras sinapIl National Property Administration System (SINAP) è una piattaforma tecnologica che integra tutte le informazioni relative alla risorsa fisica e normativa della nazione, dove i diversi attori e soggetti pubblici e privati ​​registrano tutte le transazioni legate al patrimonio immobiliare. proprietà, necessaria per la costituzione e la dinamizzazione di un mercato azionario.

L'immagine a destra sarà stata vista da qualche parte, perché è uno scrawl che un giorno ho fatto durante il mio tempo libero LADM, In una delle mostre di Amsterdam, lì da 2012.

SINAP è nato e realizzato in Honduras nel periodo 2002-2005, nell'ambito di un Programma di Amministrazione del Territorio, simile a quelli che stavano avvenendo parallelamente in quel momento in diversi paesi con il sostegno finanziario della Banca Mondiale. Non nasce come ispirazione extraterrestre, il suo fondamento è nelle teorie classiche che supportano i modelli di sviluppo, dove gli elementi guida per lo sviluppo dei mercati sono, da un lato, le Diminuzione dei costi di produzionen (materie prime, risorse umane, tecnologia e capitale) e d'altra parte la diminuzione dei costi di transazione. Pertanto, data la difficoltà di ridurre i costi di produzione in un paese in via di sviluppo, l'obiettivo principale di SINAP è ridurre i costi e i tempi di transazione.

Sinap non è uno strumento di computer, ma un insieme di politiche, tra cui lo sviluppo tecnologico, l'integrazione dei soggetti istituzionali coinvolti nella gestione del territorio e semplificazione dei processi in base alle tendenze internazionali in norme e l'adozione delle tecnologie dell'informazione e comunicazioni.
Quando SINAP viene concettualizzato, c'è abbastanza chiarezza che solo implementare una tecnologia, senza modificare le disposizioni normative e istituzionali, è quasi come mettere pneumatici su un cavallo, invece di progettare un nuovo veicolo. Quindi la strategia è accompagnata da un cambiamento radicale che include la creazione di nuove leggi come la legge sulla proprietà e la legge sulla gestione del territorio; In questo quadro giuridico, viene creato il Property Institute, che riunisce il Property Registry (che apparteneva alla Corte suprema di giustizia), il Catasto nazionale (che era una direzione esecutiva dipendente dalla Presidenza) e il National Geographic Institute ( che dipendeva dal Ministero dei lavori pubblici e dei trasporti).

La nuova istituzione è una Direzione dei primati, una direzione di Catasto e Geografia e un Regolarizzazione indirizzo sotto un ottica incentrata sulla outsourcing centri associati in grado di fornire i comuni o enti in partenariato pubblico-privato.

Sinap

SINAP nasce sotto il modello di dominio del dominio di base (CCDM), un documento che a quel tempo era un abastracto di Lemman Christiaan e altri geofumadas che cercavano di materializzare l'approccio del Catasto 2014.

Il CCDM in 2012 diventato il LADM (ISO-19152), ma a quel punto (2002) era già un pensiero sufficientemente maturo di come funzionano le cose in gestione del territorio potrebbero essere semplificate a semplici relazioni di legge, Restraint e responsabilità (RRR ) tra i soggetti interessati (partito) e oggetti di registro (BAUnits), con la terra come la relazione spaziale degli oggetti e la mappatura come elementi di diritto pubblico che interessano il diritto privato.

Questo è il progetto concettuale di SINAP nell'anno 2004; con una serie di nodi di transazione che allora costituito: SINIMUN per i comuni, INTUR per il settore turistico, Sinia Ambiente, SNGR per la gestione del rischio, CIEF forestale e INFOAGRO per il settore agricolo.

Sinap

Il logo a destra è quello che ho dovuto ridisegnare nel 2012, curando l'identità di quello esistente. In un senso sintetico, SINAP è una piattaforma che integra almeno quattro sottosistemi principali:

Il sistema unificato di record SURE.

Questo sistema include, tra l'altro, i beni immobili e il catasto come la stessa realtà. Significa che le parcelle catastali costituiscono uno sweep completo del territorio, sia di proprietà immobiliari private che sono legate agli immobili censiti secondo la tecnica del folio reale, sia dei beni di uso pubblico come strade e fiumi legati al folio amministrativo. Inoltre, le parcelle riflettono come affettazione l'intersezione subita dalla cartografia legata al diritto pubblico, così come le zone alluvionali, le aree protette, i centri storici, ecc.

SURE non include solo immobili; è un agnostico per integrare gradualmente i diversi beni della nazione; attualmente comprende proprietà commerciali, poteri, intellettuali e veicoli.

Il Sistema Informativo Territoriale Nazionale (SINIT)

Questo sistema registra e pubblica tutte le informazioni cartografiche prodotte dalle diverse istituzioni del Paese e crea servizi a valore aggiunto che mette a disposizione degli utenti con lo stesso sistema di proiezione. Inoltre, pubblicizza le informazioni spaziali, svolge il ruolo di archivio di informazioni per evitare la perdita di informazioni prodotte dalle istituzioni pubbliche e funge anche da nodo di pubblicazione per coloro che non dispongono dell'infrastruttura necessaria per servire le informazioni che hanno prodotto.

Registrazione dei regolamenti di utilizzo del suolo (RENOT)

Si tratta di un registro che integra tutti i regolamenti che contengono attributi di affettazione o beneficio verso l'uso, il dominio o l'occupazione delle trame. L'origine di questo registro è associata alla Legge Ordinanza Territoriale, che cerca che i piani di ordinanza e le regole di ordine pubblico generati da diverse istituzioni possano essere esecutivi e riflessi come effetti sulle parcelle nella consultazione o nel certificato catastale, nonché la gestione di procedure o certificazioni nei beni del Catasto.

Sebbene gli sponsor di RENOT siano cambiati in momenti diversi, il loro concetto rimane lo stesso delle mappe dipinte per essere vincolanti: "Ci devono essere condizioni legali che abilitino i principi di consenso, specialità, pubblicità e registrazione, in modo che le regole di ordine pubblico si riflettono nella proprietà privata »

L'Infrastruttura dei Dati Spaziali Nazionali (INDES)

Ovviamente non tutto era così facile da implementare. Nel 2002 la questione delle infrastrutture per i dati spaziali era piuttosto primitiva, almeno in questi paesi dove le capacità istituzionali e l'offerta accademica delle università hanno poco da offrire. A quel tempo il quarto sistema si chiamava Clearinghouse, un termine anni ottanta che ci ricorda i famosi motori di ricerca dei metadati. Per l'anno in cui devo riconcettualizzarlo, lo chiamiamo National Spatial Data Infrastructure (INDES).

SINAP è valsa la pena?

Il SINAP è stato presentato in diversi contesti internazionali, anche se a mio parere particolare soffre di scrittori che desiderano raccontare i suoi benefici con un approccio patriottico. Per un fumo nato da zero, su un tavolo di vetro e poche tazzine di caffè, in un Paese con problemi di corruzione e clientelismo politico simili a tanti Paesi a contesto ispanico, SINAP è un progetto esemplare sotto molti aspetti. Dei quattro sottosistemi, SURE era quello che presentava le migliori condizioni di sostenibilità, poiché il suo sviluppo è stato realizzato in un tempo record quanto i suoi ossessivi sponsor e perché hanno scommesso sull'abuso di molteplici fronti di lobbismo per una nuova legislazione e una trasformazione istituzionale ciò che non è facile (né consigliato) da realizzare in nessun paese; anche se per questo hanno dovuto saltare ostacoli come il non toccare il codice civile (di cui uno di questi giorni farà passare il disegno di legge), nonché la limitata incidenza nella carriera Catasto-Anagrafe, pur essendo stata inserita tra i professionisti certificati.

In termini di crescita istituzionale, ci sono molte sfide, dato che il tardo processo di istituzionalizzazione del Progetto, la mancanza di una carriera civile e l'imprevedibile unione dei dipendenti hanno quasi comportato il crollo dei momenti più gloriosi dell'Istituto di proprietà; tuttavia, SURE come piattaforma tecnologica merita il rispetto che le ha permesso di continuare a operare come piattaforma ufficiale.

Il software libero per quel tempo non è stato visto con l'ottica maturità, quindi è stato necessario utilizzare una grande quantità di tecnologia proprietaria, per dare un esempio:

  • La mappatura digitale è stata sviluppata sviluppando VBA, dalla registra- zione massiccia di appezzamenti, alla versione storica della DGN V8, con il controllo check-check con ProjectWise,
  • Utilizzando un visualizzatore Web ActiveX, gli utenti dei comuni hanno richiesto transazioni di manutenzione utilizzando la linea redline DGN, GeoWeb Publisher e Web explorer lite.
  • La generazione del certificato catastale potrebbe essere fatta dal cliente di Microstation Geographics, generando la mappa, i dati catastali e il grafico dei corsi semplicemente scegliendo la chiave catastale; mentre in linea potrebbe essere generato utilizzando GeoWeb Publisher, individualmente o massicciamente, generando file PDF contenenti dati alfanumerici e grafici.
  • La scansione e l'estrazione dei libri del Registro sono stati fatti con applicazioni automatizzate che hanno trasformato questo compito arduo in un processo di maquila, che è stato successivamente anche esternalizzato a società private.
  • La piattaforma transazionale di folio catastale e reale è stata sviluppata totalmente web.

Forse l'utilizzo di tutte quelle tecnologie, di tutti quegli utenti e di quel livello di automazione le è valso il premio BeAwards nel 2004 (oggi BeInspired), nella categoria gestione ambientale e nel 2005 nella categoria Governo. Ma la prova del fuoco è stata quando nel 2006 ha dovuto affrontare un cambiamento politico con un partito diverso e tutte quelle tradizionali tattiche di clientelismo politico e la voglia di cancellare tutto e ricominciare da capo.

Una mattina sono venuti con un disco esterno (che era nuovo al momento), per dire che il sistema di record unificato erano tenuti su quel disco ... si fermarono chiedendo quando avevano capito che avrebbero bisogno di molti dischi esterni.

Un'altra mattina, qualcuno ha richiesto la gestione dell'utente amministratore del database. Dopo due giorni aveva dimenticato la password, ed era necessario ogni tre giorni avviare il database dopo i backup automatici a mezzanotte, poiché in quel momento non c'era la virtualizzazione del server e una replica rimaneva attiva mentre il backup tra le 12 di notte e le 6 di mattina.

I registri che già usavano il sistema cominciarono a lamentarsi e poi il ragazzo si rese conto che il sistema era più che grafica piacevole da impressionare nelle presentazioni di PowerPoint.

Certamente dagli errori commessi ci sono lezioni più utili che i diversi utenti che hanno partecipato al livello di concettualizzazione, progettazione, sviluppo, documentazione, implementazione e istituzionalizzazione potranno raccontare. Quando un sistema è innovativo e le persone sono partecipanti, le opportunità dietro questa esperienza cambiano le loro vite, al di là delle conoscenze acquisite.

Sinap

Quello che non si può negare dell'impegno dell'Honduras, con SINAP, è che nel tempo la visione iniziale non è cambiata. Il sistema è riuscito a sopravvivere a tre periodi di governo, compreso un colpo di stato (2009); in questo periodo c'erano tutte le possibilità di fallimento, ma l'applicazione del principio del buon senso era importante «se si sta andando a fare un ottimo sistema, farlo funzionare velocemente«; quando volevano tornare a usare i libri, gli stessi utenti lo difendevano. Attualmente, 16 dei 24 distretti anagrafici, che già operano sul sistema, sono stati ammodernati. Nel 2013 è stato elaborato un piano di evoluzione per migrare su una nuova piattaforma tutte quelle funzionalità che sono state ammortizzate, per incorporare software open source per migliorare la sostenibilità, e adeguamenti al modello di business per prepararlo all'integrazione di un operatore privato, con l'adozione del Standard LADM e Tecnologia BlockChain per la cartolarizzazione dei dati. Una delle principali incorporazioni erano i pacchetti in database spaziale, che vengono eseguiti da trigger, in modo che se viene registrata una nuova geometria con vincolo normativo (come una nuova area protetta), tutti i Parcelle Catastali vengono automaticamente interessati e compaiono come allerta preventiva nelle aziende del Registro; Sono state incorporate anche tecnologie open source come OpenLayers, GeoServer e GeoNetwork per sostituire GeoWeb Publisher e BentleyMap per sostituire Microstation Geographics; per i comuni, i servizi web sono stati sviluppati per interagire tramite WFS su un plugin QGIS.

Nel grafico che segue ho acquisito il percorso del tempo di SINAP, che cerca di superare i due Dichiarazioni di Catastro 2014 che non sono ancora stati superati: che il settore privato e il pubblico lavorino insieme, il che sta portando a una proposta sconsiderata di un'alleanza pubblico-privato e un maggiore sfruttamento della business intelligence che consente di recuperare completamente i costi.

Nella nuova visione, i sistemi SINIT e RENOT non sono più necessari come sistemi aggiuntivi, come suggerito dai limiti tecnologici e dalle cause di potere del 2004. SINIT è solo un altro registro di SURE (The Cartographic Registry) e RENOT the Normative Registry; il nuovo sistema è ancora in fase di sviluppo; Il grafico seguente riflette alcune delle tue infrastrutture tecnologiche.

Se le cose continuano al ritmo attuale, SINAP potrà adempiere alla sua premessa che era fin dall'inizio sotto il concetto di Centri Associati; essendo il Registro e Catasto solo enti regolatori all'interno di a sistema centralizzato operato nell'ambito di un regime di front-back office.

In modo che i comuni sono responsabili per l'aggiornamento catastale e servizi associati alle transazioni; attualmente e diversi comuni viene effettuata in base al regime di delega, le operazioni sui mutui e sono direttamente gestiti da alcune banche come uffici periferici, come il Registro Mercantile è gestito dalla Camera di Commercio e candidato a fare molto di più ...

Certamente un grande punto debole del SINAP sarà per molto tempo, la mancanza di poeti che ne parlino delle potenzialità dal livello concettuale, tecnico e tecnologico. Un vero peccato, considerando che è forse la prima bandiera materializzata di LADM, prima che fosse uno standard (CCDM); merito che porteranno altri paesi come la Colombia, dove non si smette di sfruttare questo tipo di glorie e si inseriscono nell'ordine pubblico, come si evince dalla CONTI 3859.

Le lezioni apprese da SINAP sono almeno 8 e molto preziose ... aver fatto parte di quel fumo è inestimabile. Ci sarà tempo per parlarne, lieto fine dell'anno 2016.

2 Risposte a "The National Property Administration System SINAP"

  1. Proprio così, la nuova versione, che è ancora in fase di sviluppo, include servizi in modo che gli utenti che consumano, aggiornano e pubblicizzano informazioni sulla gestione territoriale possano integrarsi. Un esempio è il SIT comunale, dal quale i comuni possono eseguire la manutenzione catastale nel modulo catastale, ma include anche un modulo di pianificazione territoriale dal quale possono integrare i loro piani di pianificazione.

  2. Impressionante. Non riesco nemmeno a immaginare le difficoltà di realizzare un progetto simile. Avete considerato la possibilità di consultare le informazioni tramite API? Ciò consentirebbe ad altri agenti, come le ONG che lavorano sulla pianificazione territoriale del Paese, di integrare in modo semplice i flussi di lavoro con il catasto nazionale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.