I-modello, la nuova scommessa Bentley

bentley i modello v8i Per un attimo ho avuto i miei dubbi, se Bentley stava parlando di un nuovo formato che avrebbe sostituito il dgnV8, allora ho pensato che fosse una sorta di formato compresso come kmz con kml di Google Earth. Molti mesi fa ho scritto un post, volendo supporre questo significava l'i di V8i, dopo la presentazione presentata nel Simposio e anche se sono sicuro che questo sia più geofumato, penso di capire cosa significa (ria) i.

È l'I-model, una scommessa a cui Bentley aspira, che forse rivoluzionerà il modo in cui vedi i suoi prodotti e il suo formato dgn / dwg / dxf V8. Anche se quello che ci hanno mostrato era solo un breef, già nelle versioni V8i abbiamo iniziato per provare cosa fanno questi amici e cosa significa I-model per Bentley.

I-modello verso Bentley

Per Bentley, è molto semplice, una fusione delle capacità di Project Wise e Microstation, prodotti principali che fino ad ora erano serviti: uno per gestire i documenti, l'altro per operare dati spaziali.

Con l'I-model Bentley spera di portare ProjectWise Navigator a un uso più civile, che fino ad ora è stato considerato un complicato accessorio medio da implementare in progetti semplici. Ciò implica che il flusso di lavoro verrebbe addebitato a ciò che Project Wise fa già ma con una gestione dei dati strutturata, seguendo gli standard e integrando il strumenti diversi di geoengineering che Bentley ha acquisito e poi ricostruito da XM.

Mentre a livello di Microstation, il formato dgn ora integra i dati xml di diverse specialità, strutturati in modo simile a quello che hanno fatto con xfm. Bentley View sarebbe stato sostituito da ProjectWise Navigator, non sappiamo se sarebbe rimasto libero e Microstation avrebbe acquisito le proprietà di ProjectWise lite.

I-modello verso l'utente di Bentley

Immagine Il guadagno per l'utente è ampio, poiché migliorerebbe la capacità di lavorare insieme sugli stessi dati, dimenticando il concetto di file. Per fare un esempio, in un file di tipo I-modello, i tecnici del catasto potrebbero svuotare i propri dati con precisione millimetrica, mentre gli utenti GIS creerebbero strati topologici per fare analisi spaziali, gli ingegneri stradali disegnerebbero il sottofondo di una nuova opera e quelle dei servizi pubblici l'estensione della rete. Il tutto, con le norme topologiche adeguate alla rilevanza in base alla specialità, sembra che gestiscano lo stesso file che pesa il 20% di quello che sarebbero i singoli file, con diritti per utente e mantenendo una cronologia delle modifiche memorizzata. Pertanto, la norma topologica farebbe della stessa linea il confine di un immobile per catasto, per l'urbanistica un muro di contenimento, per i lavori pubblici una struttura di mitigazione e per il progetto una facciata continua; Semplice operazione sui diritti di check-in-out e flag di accettazione-rifiuto della gestione delle modifiche.

Quindi Geoweb Publisher solleva il file per pubblicarlo su Intranet o Internet, con un VPR migliorato che comprende criteri di lettura semplici (WMS, WCS), redline evoluto in edizione controllata tramite (WFS-T). Fare quello che ha fatto, ora nel rispetto degli standard e associato alle transazioni con diritti, firma digitale e controllo Storico.

Il fumo sembra astrale, ma è il concetto di BIM applicato a un flusso di lavoro che avviene ogni giorno in un contesto reale. Nota, tutto questo può già essere fatto con Microstation e ProjectWise, ma i dati sono esterni o c'è poca associazione a livello xml, quello che c'è è un collegamento ipertestuale simile a quello dei mslink di Geographics; quindi, associo questa trasformazione molto con un'implementazione della concetto xfm proposto nel 2005, integrato in Bentley Map XM. Se il formato V8 è ben concettualizzato e supporta xml da quella data, non avremmo un nuovo formato per V8i, solo le nuove versioni dei prodotti Bentley avrebbero la capacità di leggere i dati strutturati in base al loro livello di specialità. Le versioni precedenti a V8i leggevano il dgn senza vedere gli attributi xml, poiché ora è possibile vedere un file gestito con Bentley Map con la normale Microstation.

bentley imodel

I-modello verso l'utente di altre marche

Qui sembra essere la sfida più forte, il pilota di integrazione con AutoDesk Revit, che consente ai dati di operare da Bentley Architecture, sembra essere la linea guida e, sebbene sia una mia ipotesi, Bentley potrebbe aspirare ad andare oltre. Ricordiamo che qualcosa di simile esiste in Bentley Map per interagire con ArcGIS mxd e lyr, con la differenza che richiede una licenza ESRI installata; il fatto che ora funzioni con Revit senza richiedere una licenza ci fa pensare che sia il risultato di accordo tra AutoDesk e Bentley, poiché AutoDesk è stato il primo a promuovere il concetto di BIM in Revit.

Mentre V8i sarebbe un formato funzionante per gli utenti di Microstation, per gli utenti esterni sarebbe un ricco formato di scambio da cui possono leggere i dati secondo standard accettati, non ciò che fa un pdf o un file esportato. Alla fine, BIM beyond Architecture si riduce a interpretare figure geofumate in uno spazio virtuale come oggetti della vita reale che hanno sempre rappresentato, come dice Txus. È anche probabile che Bentley stia cercando di fare un uso migliore dei suoi formati dxf / dwg che hanno funzionato senza trasformazioni per diversi anni e che ora per mezzo dei plugin sarebbero letti da AutoCAD con tutti i suoi attributi V8i.

Se così fosse, un utente di Civil3D leggerebbe in un dwg-i-model una superficie costruita con Inroads, mentre un utente AutoCAD vedrebbe solo il vettore che funge da fonte primaria, come la mesh di punti. È ciò che la generalità si aspetta dagli utenti di diversi rami della creatività umana chiamati marchi commerciali (compresi quelli open source che sono anche commerciali) e che aspirano che le grandi aziende considerino il termine interoperabilità come un vantaggio globale e non un mutuo abbraccio da chiudere più il cerchio.

bentley i modello v8i ________________________________________

In conclusione, I-modello è l'attuazione di BIM, gestito da ProjectWise, gestito da Microstation e in armonia con altre marche.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.