I passaggi per generare una mappa utilizzando droni

La generazione di una mappa utilizzando questa tecnica può essere un grosso problema, uno di quei problemi è così critico con le conseguenze dei mancati mesi di utile lavoro quando non si dispone di precedenti esperienze in questo compito.

I fondatori di Sistema di mappatura Aerotas Si parla in un articolo POB onlineChe molti topografi si concentrino su questo lavoro, prima discutendo del tipo di drone che acquisteranno e poi si concentreranno sul dibattito sulle caratteristiche del prodotto finale che vogliono ottenere, con conseguente allungamento non necessario del tempo di cui abbiamo discusso.

Di fronte a questa situazione, è opportuno, portando ad una maggiore efficienza e redditività, è quello di iniziare il risultato da raggiungere, identificando la sequenza di lavoro da svolgere per implementare ulteriormente il software ronzio per ottenere il risultato richiesto.

Possiamo, quindi, stabilire 3 passaggi per portare a termine il lavoro, ovvero, prima di tutto accertarci che i dati raccolti sul campo siano affidabili e corretti; quindi, elaborare questi dati per ottenere un'ortofoto e un modello di elevazione digitale (DEM); per infine, utilizzando il modello creato, generare una superficie in AutoCAD (o simile) così come il 'lavoro al tratto' e il rilievo finale. Analizziamo in dettaglio i passaggi indicati:

Raccogliere valido campo di dati

Affinché le squadre effettuino una corretta raccolta di informazioni, è necessario che gli operatori siano stati addestrati in precedenza nelle migliori pratiche che permettono di stabilire sia il controllo del suolo sia di avere un software pilota automatico configurato per creare la cartografia topografica.

Nel caso della regolazione del controllo a terra del drone, devono essere presi in considerazione gli stessi criteri utilizzati per una fotogrammetria convenzionale. La pratica indica che gli obiettivi sono stati stabiliti e analizzati rilevando il terreno e l'ambiente circostante, l'ideale è stabilire cinque obiettivi per area di volo, 4 negli angoli e uno al centro, potendo includere più obiettivi in ​​base alle caratteristiche dell'area (punti alti o bassi).

Poi, l'autopilota è configurato tenendo conto del leggerissimo superamento di ciascun controllo da entrambi i lati e di catturare due righe di foto oltre ogni punto di controllo utilizzando un'interfaccia grafica simile a quella di Google Earth che consente di tracciare l'area del terreno e impostare l'altitudine del volo.

Ottenere ortofoto e DEM

Il secondo passaggio consiste nell'elaborare le foto scattate dal drone per generare l'ortofoto e il DEM. Per questo processo è possibile scegliere tra le tante soluzioni presenti sul mercato, tenendo conto che il processo segue la stessa logica della fotogrammetria convenzionale. Con questo intendiamo che le foto sono sovrapposte in base ai punti di terra condivisi attraverso foto sovrapposte.

Va notato che i droni utilizzano fotocamere più piccole e non calibrate rispetto a quelle utilizzate in fotogrammetria. Quindi molte foto devono essere fatte per ottenere un'elevata sovrapposizione. Ciò implica, per ogni punto del suolo, una quantità che oscilla tra le foto 9 e 16, che attraverso la tecnica di riconoscimento delle immagini utilizzate dal programma scelto identificheranno i 'punti di ormeggio' condivisi nelle foto.

Rimozione della superficie di sollevamento e del lavoro di linea

È in questa ultima fase che la maggior parte delle società di consulenza nel rilievo topografico ha maggiori difficoltà perché la maggior parte dei programmi di modellazione 3D (come Civil 3D) non sono progettati per funzionare con i modelli di grandi superfici generati dal programmi per droni. Questo è il motivo per cui le soluzioni di post-elaborazione emergono come quelle giuste per questo compito.

Attraverso questi, l'ispettore sceglie i punti di lavoro cliccando su quei punti desiderati nell'immagine digitale. Ognuno di questi viene registrato dal programma come una coppia di coordinate.

Ogni punto viene poi posto in strati coincidenti con le convenzioni stabilite da Civil 3D (o qualunque cosa utilizzi) in modo tale che all'apertura del file in detto programma i punti abbiano un formato simile a quelli provenienti da una stazione rover GPS standard o una stazione totale.

Conclusioni

 Seguendo questa metodologia di lavoro si può ottenere un risparmio drammatico di tempo e denaro in progetti di mappatura topografica, stimando in un risparmio 80% nel tempo. Possiamo verificare questo, confrontando la cattura di punti con un rilevamento convenzionale effettuato da un esperto in punti 60 per ora con i punti 60 prenduti in un secondo da un software post-elaborazione.

Infine, ricordate sempre che la chiave per il successo e il lavoro risparmio di tempo è quello di individuare il lavoro sequenza di produrre correttamente il risultato desiderato nel modo più efficiente possibile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.