Tra i migliori nelle notizie di QGIS 3.X

È interessante notare come le iniziative Open Source siano riuscite a mantenersi stabili e offrire opportunità di business a coloro che hanno un valore aggiunto da contribuire; pur consentendo la dedizione al cuore dell'azienda sapendo che i requisiti saranno coperti da altri specialisti nel proprio. Ammiro WordPress, PostgreSQL e QGIS tra questi modelli.

È lontano dal primo post che abbiamo fatto Quantum GIS 1.02 in 2009 e nel Implicazioni di QGIS 3 in 2016. Vai con tutto quello che hai richiesto è dimostrato responsabilità da parte loro apadrinadores, l'impegno da parte della comunità di sviluppo, ma soprattutto l'accettazione da parte degli utenti che hanno maturato aspettarsi più comprensione; al di là delle posizioni talebane contro l'iniziativa privata, focalizzata sul potenziale competitivo di QGIS. In questo articolo, dal nostro punto di vista, mostreremo alcuni nuovi elementi e funzionalità dei recenti cambiamenti almeno fino a ciò che è stato mostrato dopo questa frase, che sappiamo non sarà l'ultima.

"Siamo lieti di annunciare il lancio di QGIS 3.6 'Noosa'! Noosa è stata la sede di un raduno locale di sviluppatori australiani nella caduta di 2017. "Qgis Blog

Interfaccia

  • Temi

Dalla versione 2.8 di Las Palmas, la vista dell'interfaccia è stata migliorata, con il design più aggiornato dei pulsanti di azione e dei menu principali. Nell'ultima nota, 3.6 Noosa, puoi continuare a personalizzare, adattandoti al profilo utente e alle tue esigenze visive. Possiamo passare dalla visualizzazione normale alla vista notturna, aiutando coloro che trascorrono molte ore a svolgere vari tipi di processi.

Per Qgis 3.4, si entra nel menu dei componenti aggiuntivi, lì si trova l'opzione Carica QSS - temi dell'interfaccia utente, nel motore di ricerca, e dopo l'installazione, nel menu dei componenti aggiuntivi, troverai l'opzione Carica tema UI. Dalla finestra risultante puoi scegliere tra tutte le opzioni più appropriate.

Per la versione 3.6, l'opzione Night Mapping sarà integrata e può essere attivata dalle proprietà dell'interfaccia, in modo da non dover scaricare e installare componenti aggiuntivi.

  • Cerca

Nella vista principale sono state aggiunte caselle di ricerca, con le quali possiamo localizzare funzionalità o strumenti molto più velocemente; come, ad esempio: calcolatrice, configurazioni, algoritmi di elaborazione, identificare i livelli di un progetto o marcatori spaziali.

Nella finestra delle proprietà del livello è stata aggiunta anche la casella di ricerca, in cui è possibile individuare funzionalità o processi associati al livello. Ad esempio, la parola viene inserita nel motore di ricerca attributi (1) compare nelle funzioni del pannello e la funzionalità dello strato, tutti quei comandi che contengono gli attributi la parola (2), quindi se selezioniamo uno di loro, si può vedere che un'opzione contiene la parola attributi (3).

  • Indicatori di livello

Quando si eseguiva un processo sul livello, come il filtro degli attributi, non c'era alcun indicatore che potesse suggerire che il livello avesse un filtro. In queste nuove versioni, sia 3.4 come in 3.6, sono stati aggiunti indicatori di processo a strati, come mostrato nella figura seguente, in modo che l'analista può vedere quale viene filtrato, bloccato o uno strato di tipo di gomma.

sessioni

In questi ultimi aggiornamenti, è possibile generare un prodotto cartografico, specificando il profilo dell'utente che effettuerà le modifiche o le edizioni. Nel menu principale; è possibile creare tutti i profili utente necessari e i progetti di ciascun profilo sono memorizzati nelle cartelle radice di Qgis 3. Il percorso è simile a questo per gli utenti di Windows: C: \ Utente \\ AppData \ Roaming \ QGIS \ QGIS3 \ profiles \ default

incriminato

Per quanto riguarda l'elaborazione di entità vettoriali o raster, sono stati inclusi infiniti algoritmi e alcuni altri sono stati migliorati per una migliore esperienza utente

  • Sistema di riferimento

Quando si immettono entità che non contengono un sistema di riferimento spaziale definito, l'applicazione richiederà di indicare quale sarà la posizione spaziale di questi dati. una finestra, dove si sceglie tra una varietà di sistemi di coordinate in tutto il mondo, in fondo a questo, la posizione del sistema selezionato, una mappa indicato e quindi può verificare se è corretto, si apre prima di aggiungere i dati e successivamente i problemi di localizzazione sono generati.

  • edizione

funzioni di editing è ora molto più semplice, come ad esempio le caratteristiche completamento automatico lineari o poligonali, tuttavia, ancora deve accendere e spegnere la questione, almeno per la versione 3.4. Sono stati inclusi strumenti come: ammorbidimento delle entità, verifiche topologiche, cambio di direzione -inversione della linea- o spostamento dei vertici di uno o tutti i livelli. Per la versione 3.6 Noosa, è prevista la possibilità di eseguire algoritmi di analisi durante l'editing, per evitare di creare nuovi livelli.

Nella casella degli strumenti di elaborazione esistono funzionalità per selezionare gli elementi all'interno delle entità in base a vari tipi di caratteristiche, ad esempio: selezione per attributi, selezione per espressione o per posizione. Gli sviluppatori di Qgis 3.6 hanno definito un altro tipo di selezione, chiamata selezione per valore, associata agli attributi presenti nell'entità vettoriale.

Una delle richieste effettuate dagli utenti, è stata l'introduzione di CADtools complemento alla versione 3.6, per una qualsiasi delle versioni 3.X, è stata contemplata, e installare il gestore dei componenti aggiuntivi ha indicato che si trattava di una versione non aggiornata che non poteva essere eseguito .

  • Etichettato

L'etichettatura è un altro processo che è stato migliorato in ogni modo. È molto semplice posizionare un'etichetta semplice o creare un'etichettatura di entità basata su regole. A queste opzioni è aggiunto il bloccare, ciò aiuta il momento in cui vengono create le etichette di altri livelli, che possono interferire con la visibilità delle entità, del livello bloccato.

  • simbologia

Le nuove funzionalità sono state modificate e aggiunte per ottenere la simbologia desiderata più velocemente, come l'accesso - tasto destro sul livello - agli stili delle entità. In Qgis 3.6 Noosa, vengono aggiunti aspetti come la visualizzazione degli stili xml, nel pannello o nelle regole del browser.

  • raster

Per quanto riguarda i processi relativi al raster, sono stati aggiunti diversi algoritmi per eseguire i processi di estrazione e analisi. Completa tutte le funzioni di cui sopra, il calcolo delle statistiche di un raster secondo l'altro, il calcolo del volume in una superficie, l'istituzione di valori M, l'istituzione di valori Z in base ai vertici di ciascuna banda o l'estrazione dei contenuti in formato binario - con il widget del modulo per i campi binari (blob) -. Inoltre, in questo aspetto, sono stati inclusi il rendering del valore univoco e i marcatori di immagini raster.

  • Dati 3D

Per i dati 3D, vengono aggiunte nuove opzioni come l'ombreggiatura del terreno, cioè l'analista sarà in grado di decidere il modo in cui il suo modello sarà rappresentato. Inoltre, è possibile configurare le luci nelle scene 3D, in cui sono presenti luci 8 a cui viene stabilita la posizione, l'intensità, il colore e l'attenuazione.

Gestione del progetto

Migliore gestione del progetto, incluse le funzioni come la definizione cartelle di progetto, come avviene in ArcGIS Pro, per esempio, può quindi essere immagazzinato in un unico luogo tutti i processi e prodotti relativi al progetto. Nella maschera Inizio del progetto, viene stabilito il progetto di partenza, ovvero la rotta in cui si trovano i dati da elaborare

  • Multiview

Un'altra funzionalità che è entrata nella piattaforma è la possibilità di vedere diverse viste della mappa, incluse quelle che contengono dati 3D. Dal menu principale, nell'opzione di visualizzazione, ci sono due possibilità di aggiungere viste, vista mappa 2D (Nuova vista mappa - ctrl + M) o Nuova vista mappa 3D. Dopo aver scelto il tipo di vista da aggiungere, possono essere posizionati in modi diversi e integrati nella vista principale, da un lato - pannello destro - dove entrambe le viste possono essere posizionate o parallele alla vista principale.

Inserendo multiviewer, è possibile verificare alcuni aspetti della mappa principale che non saranno visibili nell'output finale del prodotto. Ogni nuova finestra è completamente accoppiata alla struttura di interfaccia, nonché sincronizzate o meno i dati della finestra principale, visualizzare i dati ad una scala specifica, mostra annotazioni, posizione del cursore o tag.

  • Stampa la composizione

Se torniamo al passato e interagiamo con il funzionamento di questo strumento per le versioni precedenti, tutti saranno d'accordo sul fatto che sia stato piuttosto complicato e complicato; fino a raggiungere il punto in cui sono state estratte le informazioni elaborate e volevano utilizzare altri programmi per generare il prodotto finale. Per queste ultime versioni, questa utility è stata migliorata all'interno, consentendo anche la stampa delle viste 3D. L'analista può creare una o più composizioni della stessa vista, oltre ad essere in grado di aggiungere pagine alla sua composizione.

Oltre a tutto quanto sopra menzionato, vengono aggiunte ulteriori funzionalità e la possibilità di introdurre altri tipi di dati come: Supporto per 3D Mesh - e tutto ciò che comporta la gestione di questi dati, come l'identificazione di elementi-.

  • Pacchetti e foto georeferenziate

All'interno di Qgis, l'uso di e pacchetti, così hanno mantenuto la confezione dei livelli all'interno della toolbox di elaborazione - mi sembra molto familiare come ho fatto con ArcGIS Pro-.

Si prevede inoltre che altri strumenti che possono essere utilizzati nella versione 3.4 continueranno a essere inclusi, tra i quali si può citare il nome: l'importazione di foto con geotagged -locate nella toolbox di elaborazione-. Con questo strumento viene creato un livello punto, in cui sono posizionate le immagini geo-taggate o geolocalizzate. Tali immagini devono essere in formato JPEG e l'intera directory viene inserita nel sistema, creando così il prodotto spaziale con le caratteristiche di altitudine.

Altre notizie Qgis 3.6

Oltre a quanto sopra menzionato, vengono aggiunte le seguenti funzionalità, funzionalità e componenti aggiuntivi, che sono incorporate in un modo non confrontabile con le versioni 2X, verso questa versione:

  • L'amministratore dell'origine dati supporta la creazione di livelli virtuali, dati di tipo mesh - maglia dati, e geopack -
  • La comunità di utenti e sviluppatori, ha commentato l'uso del linguaggio C ++, per la ricomposizione o il miglioramento di algoritmi preesistenti.
  • La possibilità di creare categorie, raggrupparle e separarle è un dato di fatto. Ha anche facilitato gli operatori, le funzioni delle variabili che aiuteranno a costruire le espressioni in un modo più semplice.
  • I processi o le attività vengono eseguite in background, quindi non interferiscono nella realizzazione di altre attività.
  • Molti -compresi noi- Abbiamo posto domande nei forum su alcune funzionalità, strumenti o funzionalità Qgis, a causa della mancanza di documentazione di molti di questi elementi. Per questa nuova versione, il team di sviluppo ha indicato l'esistenza di una migliore documentazione dei processi e degli strumenti che compongono questo GIS.
  • Una delle funzionalità di cui si è detto poco, ma speriamo di dimostrarlo, è lo slider temporale, associato agli studi multitemporali.
  • Accelerazione hardware per calcolatrice raster.
  • Supporto JSON per pacchetti geografici.

"QGIS è un software gratuito e non devi pagare nulla per usarlo. In effetti, vogliamo incoraggiare le persone in tutto il mondo a usarlo, indipendentemente dal loro stato finanziario o sociale. Crediamo che addestrare le persone con strumenti decisionali spaziali porterà a una società migliore per tutta l'umanità. "Blog Qgis

Come analisti e curiosi nel settore dei «Sistemi di informazione geografica, questo strumento di analisi spaziale, nella sua versione 3.6 Noosa, può offrire maggiori benefici alla costruzione di prodotti. Nella pagina ufficiale di qgis, sono le versioni caratterizzate in questo articolo. La differenza tra ognuna è che 3.4 Madeira è una versione a lungo termine, con correzioni di bug che si verificano durante il suo utilizzo. D'altra parte, la versione 3.6 Noosa è una versione più ricca di caratteristiche per i tossicodipendenti, ma con comprensibili instabilità, può essere presentata bug durante il suo utilizzo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.