... formato KML OGC compatibile o monopolio?

OGC standard La notizia è in giro, e anche se più di un anno fa è stato gestito che il formato kml era considerato uno standard ... nel momento in cui viene approvato genera molte critiche sull'intenzione di Google di monopolizzare un formato che è molto ben posizionato. Diciamo ora che il kml è negli standard OGC, ha generato opinioni diverse.

Il bene

Gli standard sono buoni, in assenza dell'interoperabilità esistente tra i diversi strumenti tecnologici, soprattutto quelli commerciali, non potrebbero essere sostenuti. L'oggetto di Aprire il Consorzio Gis (OGC) è quello di sistematizzare standard di dati spaziali che consentono la creazione di protocolli di scambio sotto schemi documentati, come definizioni di entità, relazioni e dizionari di dati ecc.

Vedendo l'elenco delle tecnologie che hanno molti dei loro prodotti con lo slogan "standard ogc", vediamo che lo sforzo è stato supportato molto bene, tra cui AutoDesk, ESRI, Bentley, Intergraph, Leica, Oracle, CadCorp, Mapinfo, Manifold ... tra altri includevano Microsoft proprio l'anno scorso. Questa tabella riflette le categorie in base alle quali esistono standard OGC, incluso KML, che sarebbe uno standard per i dati XML di geolocalizzazione.

Finora è stato difficile per interagire con un KML senza dover importarlo (KML a dxf), e la data di Google non è stato craving darà la vostra capacità di Google Earth per uno direttamente aperta .shp o .dxf; il fatto che il kml-standard potrebbe supporre che queste cose potrebbero cambiare perché assicura che l'evoluzione non obbedire alla pazza riuscito criteri entrano in gioco Google e la creatività del settore geospaziale e la comunità in generale.

Quindi non è male che Google rilasci il suo formato kml e quanto bene lo faccia con il modello "aperto", perché in questo modo la sostenibilità può essere garantita a coloro che investono negli sviluppi. Ciò significa la facilità di creazione di applicazioni senza dover importare o trasformare dati e, sebbene sembri molto teorico, il criterio "aperto" oltre ad essere collaborativo cerca la neutralità a beneficio di tutti senza iscrivere i formati con un determinato programma ... tranne Google, ovviamente .

Il male

Il problema è che questa approvazione del formato da parte del OGC viene a un momento sensibile nei mercati delle grandi tecnologie; e ci riferiamo esattamente al momento in cui Microsoft non ha potuto acquistare Yahoo! chi ha deciso di flirtare con Google.

Microsoft supera le prestazioni di Google negli strumenti desktop, Google supera di gran lunga chiunque nel dominio Internet, Yahoo! sovraperforma sia nella pubblicità online. Microsoft sta scommettendo sulle licenze in cattività, Google cerca di promuovere l'uso delle «loro» applicazioni gratuite, Yahoo! muore ogni secondo. La Terra Virtuale è ogni giorno più attraente, Google Earth ha più copertura, mappe di Yahoo ...

Questi lievi nodi sono quelli che generano dubbi se Google cerca di rilasciare il kml al pubblico, non perché sta dando qualcosa al mondo ma perché vuole che tutti lavorino in un formato che è già riuscito a posizionare ... simile quando Microsoft ha offerto .NET per chiunque volesse sviluppare applicazioni desktop, garantendo la compatibilità con lo stile per portarci a tremendi livelli di sofferenza e cercando di oscurare Java. Inoltre, gran parte della comunità geospaziale ha sottovalutato il potenziale del kml a causa delle sue limitate capacità, perché anche se ammettiamo che Google Earth e Google Maps hanno risultati ammirevoli, il kml non fa altro che mostrare pizzichi, perché il principio era quello: la semplicità geografica su xml e sempre con il web focus. Ma gli sviluppi dei grandi strumenti desktop non sono stati più preoccupati di importare ed esportare il kml dalla pazza abitudine di Google di attaccare la sua API per posizionarla.

) Standard GC - Il brutto

... e questo potrebbe liberare la possibilità di fare sviluppi che collegano i dati di Google Maps senza dover passare attraverso la sua API? Fino ad oggi, se si desidera qualcosa che si deve individuare un dirigente di Google, dirle che cosa si vuole fare, ciò che si vuole mostrare, in quanto i dati sarebbero ... e poi si aspettano di dare le condizioni sul livello di risoluzione fino a mostrare dove è necessario inserire il logo di Google e, naturalmente, l'obbligo di acquistare un client Google Earth Enterprise al prezzo che si può pensare o nel caso estremo montare un Google Earth Pro sul server condizionato ai suoi capricci.

Inoltre, anche se applaudiamo l'alternativa open è sostenuto da tecnologie ben posizionati, come ad esempio il caso di Google e migliaia di domini che si sono sviluppate sul suo API, ricordare che non molto tempo fa MySQL, che ha ricevuto grande collaborazione da parte della comunità, giorno è stato acquistato dal SUN per la somma modesta di un trilione di dollari. E di questo quelli che hanno contribuito a risolvere i bug di ciascuna versione non hanno visto un centesimo.

Alla conferenza di Baltimora, posso già immaginare il discorso di Mark Reichardt, CEO di OGC, che darà una plenaria intitolata: «La visione del OGC«, E in cui offriranno sicuramente un altare a Google. Come finirà questo romanzo?

2 Risposte a "KML ... OGC compatibile o in formato monopolio?"

  1. Va bene. Grazie per la risposta che sembra avere molto successo. Il fatto che Google sottoponga il kml allo standard gli darebbe maggiore stabilità rispetto ai cambiamenti capricciosi.

  2. Ciao,

    Un punto di vista non mescolare le mele con le arance, una cosa è che Google ha un servizio di mappe a fare grandi affari, e ben altra cosa è che OGC ha dato il riconoscimento per il formato in cui Google trasferito gran parte delle loro informazioni geografica.

    Lasciatemi spiegare: quando definite KML come standard, assicuriamo che sia documentato, quindi come quello che usiamo è molto diverso. Google ha recentemente pubblicato un implementazione esente da una libreria per lavorare con KML (che sarà altrettanto buono come Google ha voluto che sia, ma è un'altra guerra). In gvSIG c'è già il supporto per KML senza l'utilizzo di questa libreria e sta lavorando per migliorarlo, perché è una valida alternativa per la trasmissione di informazioni in un formato abbastanza semplice (che non significa che esso è destinato a sostenere GML 3.2, molto più potente e probabilmente dimensionato per altri usi). GvSIG in grado di portare un KML pubblicato da chiunque, analizzare con lui e ricostruire un'altra KML per la pubblicazione dove diavolo si vuole (senza passare attraverso i servizi di Google, ovviamente) è davvero interessante giusto?

    In breve, non dobbiamo confondere il modo di fare Google con la definizione di standard. Personalmente penso che sia bene che KML sia standard perché almeno ci assicuriamo che tutti usiamo lo stesso formato.

    saluti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.