Le molteplici possibilità di applicare il Web GIS attualmente

Il soggetto a commentare oggi è il Web GIS. Per il 'non iniziato', potrebbe semplicemente essere tradotto come 'GIS sul Web', ma cosa significa veramente questo? Qual è la sua portata? Perché 'ha molte possibilità di applicazione' come indicato nel titolo di questo post?

Ci sono cinque ragioni date da Eric van Rees nel suo articolo, dimostrare (e convincere) che il Web GIS è attualmente l'evoluzione di quel concetto di GIS "vecchia scuola"; e, inoltre, che questo cambiamento coinvolge Variaciones non solo sotto forma di come per lavorare sul GIS ma anche sui requisiti necessari per completare l'uso della tecnologia geospaziale.

Sarebbe anche valido chiedere se siamo aggiornati su questo argomento, come supponiamo che dovremmo essere, sappiamo o possiamo proiettarci per intuire quali saranno le futuro del Web GIS in quanto tale.

Il GIS è più che Cartografia, inizialmente postula l'autore e afferma poi che "una mappa non è più l'obiettivo finale del lavoro, ma può essere il punto di partenza di un'analisi più tarda e più ampia". Questa concezione della mappa come "una parte del puzzle" ci porta ad un approccio basato sullo sviluppo di progetti di cui il GIS sarebbe uno strumento di lavoro più. Che tipo di progetti? A quanto pare, da diverse e anni fa aree inimmaginabili come faremo riferimento più avanti.

Ed è che il GIS in quanto tale è definitivamente andato alle major da quelle estremità lontane degli 60 quando ha visto la luce. Con ogni nuovo decennio il cambiamento è stato rafforzato: della conoscenza "Dove è cosa", Puramente descrittivo; conoscere sia il "Che cosa e perché "di un approccio in cui qualcosa è prescritto o determinato con chiarezza e precisione, che costituisce uno stadio per completamente nuovi strumenti e concetti geospaziali.

Il GIS richiede ora la 'collaborazione'. In questo cambiamento evolutivo, l'autore si postula nuovamente, il lavoro individuale è relegato. Ma vale la pena fermarsi a questo punto perché afferma che per il lavoro della scrivania del GIS «vecchio» era richiesto un "cartografo qualificato" o un "analista GIS". Ciò già ci dà il thread nella discussione sul seguente post per commentare che riguarda le indagini e le opere in GIS. Sarebbe interessante qui chiedere (proprio come un anticipo) dentro quale dei decenni di evoluzione del GIS stiamo attualmente lavorando in ciascuno dei nostri paesi... meglio lasciare qui perché ci deviamo dal tema principale.

Van Rees afferma che "oggi, i lavoratori GIS devono collaborare con altri utenti di GIS mentre sono responsabili contemporaneamente dei progetti cartografici ". Qui evidenziamo la parola "simultaneità". Questo tipo di progetto di "multi-tasking" in cui sicuramente una sola persona non lo fa potuto (nota il condizionale) eseguire completamente il lavoro completo. Questo è molto logico. Semplicemente perché i confini dell'utilizzo convenzionale di GIS sono stati ampliati, occorre maggiore conoscenza in diversi argomenti. L'autore è enfatico: "Ciò dimostra che la tecnologia GIS sta diventando un settore meno esclusivo (meno che nicchia, se lo traduciamo letteralmente)".

Il GIS attuale è incentrato sulle comunità. Questa nuova dichiarazione è correlata a quanto espresso in precedenza. Si è fatto riferimento ad un ambiente di simultaneità in cui vengono affrontati diversi temi e anche del nuovo ambiente in cui vengono stabiliti scenari in cui nuovi strumenti e concetti hanno un posto. Beh, quanti più? L'autore ci dice che "con sempre più tecnologie geospaziali disponibili, lo è impossibile imparare ogni attrezzo presente sul mercato "e consiglia," è meglio specializzarsi e concentrarsi in un insieme di temi o applicazioni e partecipare nella comunità che li rappresenta. "

Questo è ugualmente ragionevole. Ignari che le informazioni siano costantemente aggiornate, quello che sappiamo oggi sarà in un tempo quasi-quasi obsoleto, infatti, de-aggiornato. Questo è l''aggiornamento' permanente che ogni professionista deve assumere come una sfida per continuare 'in gara'. Le informazioni sono su Internet e abbiamo bisogno di tempo e forse di neuroni necessario per coprire tutto. La realtà è che non possiamo. Ecco perché citare le iniziative di collaborazione GitHub, GeoNet, GIS StackExchange e altri strumenti come ArcGIS Hub, che ora ricordiamo mentre notiamo che l'autore allude più di tutti i prodotti ESRI ... Beh, i sospetti da parte, siamo d'accordo con il suo ragionamento.

La programmazione e il GIS sono ora inseparabili. Veniamo in uno dei postulati "core" dell'analisi. Forse avremmo dovuto usare la traduzione letterale "codeo'(sappiamo già dove stiamo andando, giusto?) Benché Van Rees osservi che "i linguaggi di programmazione non intendono sostituire ma piuttosto espandere la tecnologia geospaziale", è chiaro che non ci sarebbe altro modo per fare il salto dalla "mappa - analisi geospaziale" al servizio Web corrente senza 'gomito' attraverso. E in primo luogo parla di ArcPy, quindi della nuova API di ArcGIS, che menziona lo Stack di SciPy in pass ... Librerie e pacchetti basati su Python! (Pitoneros ... Present!) E nota che abbiamo già commentato sulla priorità dell'apprendimento in Python.

Ma, non dimentichiamo, abbiamo bisogno mostrare e condividere le nostre informazioni. Poi appaiono Notebook Giove e il gestore dei pacchetti Anaconda per migliorare i flussi di lavoro collaborativi.

Ma come può uno sviluppatore web utilizzare la tecnologia GIS in un modo comprensibile per lui? Risposta: tramite le API Web e i linguaggi di programmazione. La comunità GIS ha quindi adottato JavaScript, Python e R. Cerchiamo di essere quindi attenti e di tenere a mente a quali comunità dovremmo rivolgerci.

Il Desktop GIS è diventato parte del Web GIS. Cominciando con un'allusione a Google Maps 2005 anno e anche se Google, come suggerisce l'autore, aspettare sul mercato consumer in geospaziale professionale, la cosiddetta "industria GIS" potrebbe imparare lezioni importanti dal lavoro di Google.

Ora, ci si riferisce a se stessi come "industria GIS" o "settore geospaziale"?, Essere corretto dire che qualsiasi campo / dominio utilizzando le informazioni e le mappe spaziali, è una parte del settore geospaziale?

È vero, davvero. Stiamo parlando di auto, biciclette connesse, UAV, realtà aumentata, cioè tutte quelle tecnologie che hanno dati spaziali e mappe, sia interne che convenzionali, come una delle loro principali fonti di dati. Qualcosa di veramente eccitante e rivelatore.

Che cosa è stato appreso? Si è appreso che potrebbero essere le tecnologie che consentono la tecnologia geospaziale Evolve integrata. In particolare con i cellulari, la programmazione di nuvola, l'analisi dei dati grandi, la 'dei dati della scienza' e business intelligence, con conseguente tutto in un'infrastruttura cloud che è legata indissolubilmente agli usi della GIS a livello locale. esemplifica Così l'autore, è possibile accedere a componenti del GIS nel cloud attraverso un browser web, ed eseguire analisi geospaziali utilizzando Python.

Questa analisi è solo l'inizio di ulteriori discussioni. Nel calamaio ci sono il GIS nel cloud, ma soprattutto il WebGIS in futuro. Quel futuro "intelligente" in cui il WebGIS è molto più integrato nella vita quotidiana in quel futuro di "città intelligenti" che molti già prevedono e verso cui dobbiamo essere preparati a prendere parte.

https://www.spar3d.com/blogs/all-over-the-map/many-faces-todays-web-gis/

Una risposta a "Le molte possibilità di applicare il Web GIS al momento"

  1. Ottimo articolo sulla SIGWEB (WebGIS), condivido molti punti di vista su questo tema, su tutto ciò che riguarda il prodotto principale dei GIS tradizionali sono stati per molti anni le mappe statiche, e che in questi tempi globalizzato, ora le mappe hanno qualche dinamica e bordi, essendo alimentato da molti tipi di geodati da diverse fonti e sfondi, senza molte complicazioni tecniche.

    Saluti.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.