rapporto Latinobarometro 2011

C'è un'America Latina nascosta dietro l'immagine stereotipata del ventesimo secolo, abbiamo trasformato.latinobarometro2
Mentre la debolezza della politica e della sfiducia sovrastano l'agenda della regione, il progresso continua in silenzio senza sorveglianza. Così nasce una nuova regione che spinge ad andare più veloce di paesi, di ridistribuire i frutti della crescita, sostenendo con forza nel 2011 anno a causa del rallentamento li colpisce. Questa America Latina punisce più duramente.
Otto su dieci latino americani sono connessi al mondo attraverso telefoni cellulari e quattro su dieci oggi hanno un livello di istruzione superiore a quello in cui sono nati. È la classe media emergente che si difende.

Questo è il testo di introduzione alla 2011 rapporto pubblicato dalla Latinobarometro Corporation, con pagine 112 di statistiche prese da 20,204 interviste faccia a faccia nei paesi 18 tra 15 luglio e 16 agosto, con campioni rappresentativi di 100 % della popolazione nazionale di ogni paese di casi 1,000 e 1,200, con un margine di errore di circa 3% per paese.
Gran parte della relazione non è nulla di nuovo, ma il valore comparativo è interessante, dove possiamo vedere come il nostro Paese è in relazione al contesto.

Interessante è l'alta contraddizione di connettività, un'onda che è stata assorbita in tutto il continente, ma contrasta con il lento progresso verso il rispetto del diritto d'autore. Finché l'uso della tecnologia non è livellato nell'uso dell'hardware e nel rispetto delle licenze, gran parte di ciò che facciamo in America Latina sarà insostenibile; non solo a livello di governo, ma anche nell'incentivo per le imprese private. È anche un'opportunità importante per Open Source Software.

Per la prima volta questo studio misura la pirateria in modo esplicito e si scopre che questo è più grande della volontà di comprare qualcosa di rubato. Cioè, il pirata non è necessariamente visto
come furto. Il grafico seguente non riflette il volume della pirateria per paese, ma l'accettazione come un atto giustificabile.

latinobarometro2

Raccomando di mantenerlo per il tempo libero, lascio l'indice di argomenti ricercati e conclusioni finali che non sono rappresentative di ciascun paese, ma che servono a confrontare contestualmente:

  • DEMOCRAZIA IN AMERICA LATINA
  • IL TRUST
  • CULTURA CIVILE
  • DISCRIMINAZIONE E DISTRUZIONE
  • CHE GARANTISCE LA DEMOCRAZIA
  • FRAUDIA SOCIALE
  • L'AGENDA DELLA AMERICA LATINA
  • LA POLITICA
  • ASPETTATIVE
  • INDICE DI SICUREZZA DEL LAVORO
  • INDICE DI CONFIDENZA DEI CONSUMATORI
  • ATTITUDE AL MERCATO
  • ATTITUDINE DAL STATO
  • SODDISFAZIONE CON LA DEMOCRAZIA
  • RELAZIONI INTERNAZIONALI
  • VALUTAZIONE DELLE LEADERS
  • VALUTAZIONE DI ISTITUZIONI INTERNAZIONALI

C'è un'America Latina nascosta dietro l'immagine stereotipata nata da un desolato ventesimo secolo, abbiamo trasformato, ma il mondo non è ancora convinto.
La democrazia è stata consolidata lentamente nei suoi valori fondamentali come è il rispetto della legge. I governi sono le istituzioni che sono state più affidabili negli ultimi anni, anche se in 2011 c'è una battuta d'arresto. Il parlamento riesce a muoversi lentamente nella sua legittimità. Una parte sostanziale della regione dice che si aspetta lo stesso dal futuro, cioè si aspetta la stabilità. La stabilità economica è qualcosa di nuovo e affascinante per l'America Latina. La stabilità dell'occupazione è più che raddoppiata nell'ultimo decennio e picchi a 2011. Mai mai c'erano poche persone con grandi difficoltà economiche (10%). Quattro su dieci latinoamericani oggi hanno un passo più istruzione rispetto alla casa in cui sono nati. Otto su dieci latino americani sono connessi al mondo attraverso i telefoni cellulari. La regione si è allontanata dagli Stati Uniti, il Paese è il Paese modello principalmente per l'America Centrale, mentre l'America del Sud sembra sempre più verso altre parti del mondo, in particolare l'Europa. Soprattutto abbiamo aumentato la nostra soddisfazione di vita, indipendentemente dagli alti e bassi. Nulla cambia la nostra crescente felicità. La regione ha incorporato i consumi a 150 milioni di abitanti nell'ultimo decennio.

Allo stesso tempo lo zaino degli orecchini è enorme. Si comincia con i problemi economici che affliggono una parte significativa della popolazione con bassi salari, alloggi precari, limitati alla salute, all'istruzione di scarsa qualità, l'accesso mentre la disoccupazione è in uno dei suoi punti più bassi. La disuguaglianza rimane la più grande minaccia, la discriminazione come conseguenza culturale più immediata. La tolleranza e la fiducia sono basse, non ci crediamo nei partiti politici, né ci fidiamo dei nostri vicini. La democrazia non è stata in grado di cambiare quelle coordinate centrali della nostra cultura civica. Nell'anno 2011, abbiamo principalmente punito i governi 111, specialmente quelli che avevano fatto bene i loro compiti lo scorso anno. Il cambio di righello è una delle ragioni per richiedere di più, ma c'è anche uno stato di disagio perché l'aumento della ricchezza non porta con sé la distribuzione prevista. I governi non riescono ad aumentare la percezione che è governata per la maggioranza. C'è un senso di abuso e di privilegio indebito.

America Latina ha mostrato tra l'2007 2009 e sono stato in grado di regolare l'impatto della crisi con le politiche economiche anticicliche che non è accaduto in 2011, e ad un rallentamento
i governi non hanno preso alcuna iniziativa per alleviare questo impatto sui più vulnerabili. L'impatto positivo sulla democrazia tra 2007 e 2009 erano storico, i governi sono stati in grado Sganciare la valutazione dell'economia della democrazia, produce un aumento nella giusta direzione, nonostante la crisi. Nell'anno 2011 tale impatto scompare. Deve ancora essere appreso che gli alti e bassi dell'economia influenzano in modo molto diverso i vari settori all'interno di una società. Da un lato, la crescita della crescita non produce una distribuzione e, dall'altro, il calo della crescita influenza i più vulnerabili. Quindi coloro che hanno meno non beneficiano della crescita e sono puniti dal rallentamento.

America Latina nasconde, quello che è emerso dalla 30 anni di politiche sociali e di riforme, è un altro l'America Latina non è più la terra di "tornare domani", o l'immagine stereotipata dei film di Hollywood. Questa è una regione del piede con elevate esigenze facendo passi verso più aperta e democratica per via non convenzionale con le società di fasatura alto grado.

Qui è possibile scaricarlo, così come le versioni precedenti da 1995.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.