2014 previsioni di contesto geofumado: Paul Ramsey

A partire da gennaio, Paul Ramsey ha pubblicato le sue previsioni per quest'anno nel settore geospaziale; tenendo conto che si tratta di qualcuno che è stato in questo ambiente per oltre 10 anni e il risultato dei loro contributi al software open source ricevuto in 2008 Sol Katz Premio assegnato dalla Fondazione OSGeo, portiamo nella versione traslitterata.

Dieci anni fa, quando PostGIS era solo la versione 0.8, il mondo era fresco e nuovo, ero totalmente convinto che il nostro settore fosse all'apice della rivoluzione open source. Quando le persone hanno avuto modo di provare i nuovi, flessibili e nuovi strumenti per costruire sistemi, hanno naturalmente scartato il loro arcaico software proprietario e hanno iniziato rapidamente a muoversi verso un'esistenza più illuminata. Era emozionato, sentiva il geofumato di ciò che stava arrivando.

E sempre, quasi ogni anno da quando 2000 qualcuno ha annunciato, da qualche parte, con tutta la loro anima che (finalmente) «quest'anno sarà l'anno del desktop Linux«.

Durante la rivoluzione dell'open source è successo qualcosa di strano. Si è scoperto qualcosa di più. Nel complesso, il cambiamento è stato lento, graduale, ma sempre nella direzione di casi d'uso più open source.

Quindi, nell'aspettativa di ciò che può accadere in un nuovo anno del mondo geospaziale open source, le mie previsioni potrebbero essere imprudenti - Le grandi cose stanno cambiando poco, ma ai confini avremo importanti cambiamenti:

Paul RamseyOracle annuncerà che stanno perdendo clienti a causa di PostgreSQL. Sebbene MySQL sia sempre nei media come "il database open source", è PostgreSQL che ha avuto le capacità di business sin dall'inizio per andare di pari passo con i grandi. Mentre Oracle continua ad aumentare i prezzi di manutenzione per compiacere Wall Street, i clienti iniziano a pensare all'impensabile:  Forse è giunto il momento di riesaminare il tuo standard di database.

Il più cool continuerà l'open source nelle fondamenta. Che si tratti di Linux, funzionalità GDAL con immagini satellitari di PlanetLabs o dei più recenti tablet Android, la cosa più interessante sarà sulle spalle dell'open source e il resto sarà il profitto.

La maggior parte delle azioni sarà in open source JavaScript.  Juan ha menzionato che la programmazione per il campo geospaziale sta aumentando verso il poliglotta, ma l'arena open source in questo momento è il mondo JavaScript, sia a livello di client che di server. C'è molto rumore e furia lì. Alcuni di essi non significano nulla, ma alcuni stabiliscono gli standard che utilizzeremo per il prossimo decennio. JavaScript mi ​​ricorda Java del 2005 circa: più progetti, con obiettivi funzionali simili, filosofie di progettazione concorrenti e un enorme potenziale. La separazione dei segnali di rumore in questo tipo di contesti porta all'esperienza reale, quindi sono contento di avere alcuni dei JavaScripter migliori e più brillanti nel mondo geospaziale nel nostro team.

PaaS si unirà all'open source in una naturale evoluzione. E poiché sto solo imparando a conoscere la piattaforma come servizio (PaaS), vedo che ha sia la promessa dell'open source che la stessa curva di apprendimento. Di conseguenza, le cose cadranno sotto il loro stesso peso, lentamente sarà integrato nel nucleo dell'IT, anche se quelli che abbiamo sperimentato si metteranno al passo e la prossima generazione passerà alle attività operative. E poiché PaaS è Open Source per definizione, la crescita nel cloud e nei componenti per i sistemi di costruzione rimarrà e l'open source sarà migliorato.

Lo sviluppo iterativo in stile open source guadagnerà più terreno. Il fallimento pubblico del sito healthcare.gov e la tendenza a cascata della metodologia possono essere solo positivi per un buon sviluppo. Ci sono già molte capacità nelle aziende, ma è ancora qualcosa che fanno solo le organizzazioni "progressiste", non è la generalità. Più le persone pensano alla tecnologia in forme open source (che è un processo, non un prodotto, si tratta di gestione del cambiamento, non raggiungendo uno stato finale), migliore è l'open source.

Le organizzazioni saranno ansiose di lavorare con OpenStreetMap e alcune troveranno un modo. Mentre le licenze continueranno a limitare la partecipazione di molte organizzazioni pubbliche, altre faranno ammenda e inizieranno a integrare OSM nei loro flussi di lavoro. I fortunati riceveranno l'approvazione dei loro avvocati per lavorare direttamente con OSM. Nel caso meno fortunato, OSM sarà utilizzato come filo conduttore per mantenere aggiornate le mappe… 🙂.

Boudlesss integrare le tecnologie più open source nella loro OpenGeo Suite, rendendo ancora più semplice iniziare con i sistemi geospaziali aziendali. Bene, da allora è stato facile Eddie già accennatoMa anche io ho le mie ragioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.