Siamo veramente immersi in un processo "innovativo" quando si tratta di 3D Spatial?

"La pressione di un pulsante ha il potenziale di aprire un'altra dimensione", scrivere, quasi alla fine del suo articolo, Muthukumar Kumar, riferendosi specificamente alla creazione di 3D ambienti, la sua utilità, importanza e futuro.

Da notare che per parlare del futuro, in un modo che ci distanzia dal semplice charlatanery, è richiesto che questa parola sia complementi ad altri che forniscono il necessario peso e affidabilità che il nostro campo professionale richiede. È qui che la parola "innovazione". Si pone la domanda: quando "qualcosa" può essere assegnato l'aggettivo di innovativo?

Il significato dell'innovazione come concetto

Un suggestivo e molto interessante articolo che integra le informazioni richieste per questo commento, afferma che "l'innovazione si trova all'intersezione di tre mondi: il mercato, l'implementazione tecnologica ed efficace".

Quando si accompagna la frase con l'immagine mostrata, si sottolinea che dei tre componenti devono essere presentati contemporaneamente in quella "cosa" che qualificheremo come innovativo. Perché, come giustamente afferma l'autore del post:

"La parte più interessante dell'innovazione è la creatività, l'ideazione, la motivazione e le nuove tecnologie. Tuttavia, questi concetti sono la parte più piccola di un processo innovativo. La parte più importante è la azione, la efficace attuazione. "

Buon punto. Senza esecuzione tutto non è altro che un sogno in attesa di diventare realtà un giorno. Poniamoci allora: Sai se qualcosa è attuato per quanto riguarda gli "ambienti" nel 3D Spatial? In quali aree? Li percepisci?

Sì. Perché oltre l'uso (o aver usato, o solo sapendo che esistono) entrambi ArcGis Pro come Qgis2threejs per creare risultati pienamente visibili in 3D, cioè parlando di progressi nella presentazione dei dati analizzati; ci sarà sempre un'esigenza che non è ancora stata risolta e che aspetta il suo turno nella coda per essere in grado di emergere.

3D Spatial come piattaforma futura per informazioni e esperienze

Kumar dice che "ci sono algunos sviluppi affascinanti "nel 3D Spatial. Sviluppi che, spiega, possiamo percepire nello stesso modo in cui quando "ci immergiamo" in un gioco di stile Grand Theft Auto. Diciamo che questi contesti sono generati modificando o creando aree diverse a ciò che percepiamo quotidianamente come reale e efficace.

Cioè, ci riferiamo qui a entrambi Realità virtuale come l' Augmented Reality, campi in cui la mia conoscenza iniziale, riconosco, non era altro che semplice informativa. Ecco perché la nota di oggi. Ho intenzione di attraversare il confine, riflettere su "innovare", e trasmettere quella preoccupazione a tutti voi, gentili lettori. Là andiamo!

Sulla esperienza immersiva, il metaverse e altre erbe

Abbiamo sentito che la realtà virtuale si riferisce ad una narrativa. Quanto la realtà illusione avrà dipenderà dal fatto che utilizziamo un semplice schermo del computer con l'hardware oi dispositivi collegati creati ex-professo che useremo per sperimentare e vivere quella inutilità. Quest'ultima è la immersiva realtà virtuale, quella in cui l'utente percepisce stimoli sensoriali e vite come è reale il mondo tridimensionale è mostrato.

La realtà aumentata, d'altra parte, aggiunge agli elementi virtuali reali, creando un ambiente "misto" in in tempo reale e in cui non perdiamo il contatto con il "vero". In questo modo ci vengono mostrate informazioni che non potremmo essere in grado di vedere in "condizioni normali" che arricchiranno la nostra esperienza.

Le realtà virtuali immersive che interessano Kumar nel suo articolo sono quelle che usano geolocalizzazione. Il punto importante è qui determinare l'area all'interno del quale "immergiamo". Il concetto di metaverso. Inteso come quel mondo virtuale (metafora di quello reale) dove una persona interagisce con gli altri utilizzando un file identità rappresentata graficamente come un'immagine o una fotografia nota come Avatar.

E anche se Matrice è un referente metaverso nel cinema, più interessante ai nostri occhi è è creato per scopi didattici per apprendere il GIS e commentato sul blog di Esri:

Mettere i pezzi in posizione

Kumar si riferisce a progetti 3, tutti creati dall'azienda Mantello. Concepito nei suoi inizi come Giochi Preliminari dai suoi fondatori, questo progetto aveva come scopo quello di creare giochi che utilizzano la geolocalizzazione presentati in tre dimensioni all'utente cercando di riprodurre una sorta di realtà aumentata. Presto avvertirono che in Unità, la popolare piattaforma di sviluppo del gioco, non c'erano molti che utilizzavano mappe. Fu lì che l'idea di creare il proprio sistema e con essa, Mantle si alzò.

Il processo iniziale consisteva nell'utilizzo MapBox (Predecessore Mantle), gli stessi che sono stati modificati da una sorta di raschiare loro pixel di inserire il "prefabbricato" che compongono la geografia di una strada cittadina mantenendo i colori dell'immagine originale.

Hanno notato che questa nicchia, l'uso di mappe, potrebbe essere applicata a domini diversi che non erano solo giochi. Kumar spiega di seguito la Progetto BrownsvilleUna comunità a Brooklyn, New York, dove, a causa di anzianità e la precarietà delle loro case e la mancanza di una corretta pianificazione da parte delle autorità, è stato generato c'è una zona di povertà accresciuta e la criminalità nel l'insicurezza dei coloni è un pericolo quotidiano.

Bisognava far conoscere al mondo questa situazione in modo che non passasse inosservata o finisse per essere il titolo di un telegiornale dimenticato in pochi giorni. È stata quindi concepita una diversa forma di comunicazione in cui, sebbene si produca una riflessione sulla realtà mostrata, questa viene mostrata in modo più accattivante, giocoso, che "aggancia" chi la visualizza e che rompe gli schemi di solennità e linearità di un reportage giornalistico di tipo documentaristico.

A tal fine, ogni residente può creare la propria storia come quella che viene narrata nel formato "documento interattivo"o"docu-Games"(Ampiamente utilizzati in programmi di realtà come il" Grande Fratello", per esempio) in cui possono ricreare l'ambiente fisico che mostra le pressioni quotidiane della loro vita in questo quartiere e raccontare storie dal tuo punto di vista. Così, attraverso Mantle e Unity, sono stati in grado di riprendere il controllo dell'ambiente per raccontare una storia che alla fine può cambiare il loro spazio in meglio.

Per raggiungere il cosiddetto simulazione di veicoli autonomiManto fornito come capacità a valore aggiunto per interpretare procedure multipla (incorporazione) del layer per creare una porzione significativa di un caso di utilizzo dell'ambiente virtuale come "intersezione specifico" o punti neri incidente noto che può essere pronto per allenarsi in minuti o ore invece di giorni o settimane.L'ultimo progetto citato da Kumar è legato alla industria automobilistica. In particolare con la possibilità di lavorare simulazioni di auto in grado di guidare auto. Ma per creare e testare in spazi autosufficienti, dobbiamo sapere come un essere umano si comporta davanti a una traccia. Dobbiamo "emulare" il modo in cui un umano ragionava in situazioni diverse. Questo ci riporta al campo dell'AI (Intelligenza artificiale) che mira a riprodurre il comportamento del cervello umano. A questo aggiungiamo il machine Learning perché le macchine devono essere in grado di riconoscere i modelli di comportamento da soli e di "predire" i comportamenti.

E come squadre di molte aziende hanno già entrambe le proprie unità fisiche come sistemi di telecamere veicolo, possono essere estratte direttamente a un ambiente Mantello con la possibilità di formazione in visione e prototipi.

Il passo verso il futuro possibile e desiderabile allo stesso tempo

Kumar conclude che "le idee che vanno dalla costruzione di un simulatore per testare guida autonoma tra cui algoritmi di navigazione, per i giochi di costruzione VR dove si può essere in qualsiasi parte del mondo e immergersi in quella esperienza richiedono alcuni strumenti e capacità gravi ".

Anche se può sembrare molto lontano dalla nostra realtà, la verità è che esistono esperienze. Ma per le soluzioni spaziali da applicare nel nostro ambiente quotidiano, devono passare non solo il setaccio innovativo, ma anche attirare l'attenzione di coloro che possono realizzare questi progetti.

Ecco perché l'autore insiste su due qualità:alleviare"E"utilidad". Facile perché perché per rendere il 3D Spaziale accessibile, prevalente e utile “la barriera esistente deve essere abbassata o abbassata per dare spazio alla sperimentazione; Deve essere "facile da giocare e rilasciare". Poi aggiunge: "solo quando i creatori di tutti i tipi possono sperimentare e quindi costruire soluzioni in quegli esperimenti in pochi secondi, il pubblico in generale può trarne vantaggio"

Inoltre, 3D Spatial deve passare utilidad, ovvero quando gli utenti lo richiedono ogni giorno e possono utilizzarlo semplicemente senza pensarci; è quando sarà veramente maturo e pronto per l'uso principale. Parliamo della famosa prova di Larry Page dovrebbe essere attuata e approvata

Chiedo al lettore di Geofumadas, guidate i tuoi sforzi per raggiungere questo obiettivo spirito innovativo a cui si fa riferimento nel tuo lavoro professionale?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.