La migliore delle 4tas. GvSIG Conference ...

giorni gvSIG

In molti concordano sul fatto che tra le migliori ottenute in questi giorni ci fosse la rivista allusiva all'evento, che rappresenta un ottimo lavoro non solo in termini di contenuti ma anche di gusto grafico. Per chi l'ha ricevuto in formato cartaceo rappresenta sicuramente un prezioso oggetto da collezione come quei fumetti Obelix che conserviamo in un vecchio ma pregiato baule e che ci ricordano un grande regalo di nostro padre.

Esaminando il suo contenuto, che tra l'altro è stato pubblicato sotto Creative Commons, possiamo vedere vari argomenti trattati molto bene riguardanti lo sviluppo di gvSIG, così come interviste con persone coinvolte nella sua promozione e implementazione sia dal mondo accademico che da agenzie governative. Ecco un riassunto dei migliori:

Dei quarti giorni

Lo hanno chiamato quattro anni di progresso, quattro anni di speranza; e non confondere ciò che si potrebbe pensare giorni gvSIGparola illusione, si sviluppano temi che spiegano la storia accaduta, cosa si sta facendo e dove sta andando il progetto. Questa fase del documento è strutturata intorno ai seguenti argomenti:

  • Gestione della collaborazione
  • Supervisione di fabbrica
  • "Architettura" gvSIG
  • Internazionalizzazione
  • Collaborative test
  • documentazione
  • 2008 Tour

Dalle interviste

Questi sono stati fatti con grande cura, quindi vedo che sono previsti per offrirti la visibilità che il progetto merita e che l'ultimo anno è noto che hanno fatto molta fatica, vale la pena riconoscere il lavoro del loro stratego di comunicazione.

Qui riassumo alcune delle interviste solo per scoraggiare l'interesse.

giorni gvSIG Juan Ernesto Ricket

specialista IDES, è ora Chief Technology Istituto Geografico Militare in Argentina e coordinatore del progetto PROSIGA. Nell'intervista con Carlos Figueira I venezuelani parlano dell'importanza che l'uso del software libero sta assumendo nelle istituzioni statali, principalmente comuni di limitato livello economico. È comprensibile perché la Conferenza del settembre 2009 si terrà in Argentina.

giorni gvSIGMolto interessante intervista, in cui il testo ricomposizione ci ricorda che solo fattura Microsoft 800 milioni di dollari all'anno in America Latina, in modo che il software libero non è solo una parte importante nell'economia dei governi, ma in combattimento alternativa la pirateria che è stata affermata per giorni sembriamo gli africani.

Alessandro Sgambati

giorni gvSIG Accanto a Chris Puttick Parlano dall'approccio europeo riguardante l'applicazione del software libero negli spazi statali, così come la diffusione che le persone coinvolte devono svolgere. Vale la pena dire che Alessandro ha svolto un ruolo importante (se non tutto) nella traduzione italiana dei manuali gvSIG.

Antoni Pérez

giorni gvSIG Antoni de la UOC parla di come il software libero dovrebbe competere con altri spot pubblicitari come INTERGRAPH e ESRI che hanno programmi di collaborazione con diverse università. Si concentra anche sulla questione etica, politica ed economica che prevale nei centri educativi per la promozione di soluzioni collaborative come il software libero e dove giorni gvSIGGli studenti universitari hanno un potenziale interessante.

L'intervista è estesa e insieme Lluís Vicents dal team del master UNIGIS, vengono fumate buone riflessioni e contributi dal punto di vista dell'università.

 

Extra

Vicino alla fine compare un'intervista Juan Antonio Bermejo ti rendi conto perché sono venuti alla selezione di gvSIG come strumento di lavoro in progetti legati alle informazioni geografiche Isola Consiglio di La Palma, essi dovranno anche consultare con alcuni suggerimenti per venire a beneficio dei prossimi giorni.

_____________________

Per cosa, la rivista è molto buona. Alla fine si parla delle tendenze che si possono osservare sul web riguardo a gvSIG, tra cui l'applicazione Google denominata “Insights”, che mostra la crescita che ha avuto il termine gvSIG ei paesi di origine in base alle parole chiave.

Poi anche con Google Trends, mostrano come si è comportata la crescita rispetto a termini di concorrenza come Geomedia, ArcView, Mapinfo e saresti sorpreso di vedere cosa riflettono i grafici. Per ora lascio il luccio, dai un'occhiata la pagina gvSIG perché non penso che ci vuole molto tempo per avere la versione pdf per il download se lo hanno preso come commons creativo.

8 risposte a “Of the best of the 4tas. Conferenza GvSIG ... "

  1. La questione dei dati geografici di base è un grosso problema in Argentina. Dire che tutto è pagato in un certo modo può essere sbagliato per trattare il soggetto in modo molto semplice.
    Purtroppo in Argentina la produzione di dati è insufficiente. Se guardiamo i metadati del 1 dati: 250.000, dati del portale PROSIGA l'IGM, molti di questi dati risalgono agli anni 30, 40, 50. Anche il 250.000 che è stato digitalizzato con un sacco di sforzo durante 96-98 non ha un correlato corrente. Dall'epoca non c'è più niente di più a causa della mancanza di finanziamenti. So che molte persone hanno messo impegno, tempo e denaro PERSONAL per mantenere i dati che da decenni non sono stati mantenuti. D'altra parte, l'IDE assume qualità e responsabilità, ciò significa che il corpo che rende disponibili i dati deve farlo con i controlli di qualità appropriati, generare la documentazione appropriata, definire parametri di usabilità, ecc, ecc., E anche se non è credo, tutto ciò che passa un sacco di soldi, soldi che lo Stato non sta investendo per mantenere tali informazioni, né parliamo di generare i dati così carenti.

  2. @gerardo

    Sì, che sono con te su questo argomento che è più vecchio degli IDE, ciò che accade è che (almeno nei casi che conosco) molte volte l'amministrazione non guida gli istituti cartografici come centri di ricerca e produzione cartografica per società ma come semplici "negozi" che ogni persona dovrebbe comprare.

    Ricordo ancora l'assurdità di pagare (non mi ricordo quanto) la fotocopia di una revisione di una geodetica in una delegazione IGN, quando molti anni fa, che avrebbe potuto essere pubblicato sul web.

    In ogni caso, se siete interessati a temi di geodati liberi, ci si può fermare l'elenco dei OSGeo-es [1], c'è un gruppo di persone in grado di raccogliere i dati insiemi liberamente disponibili e in generale lavorare in quella zona [2].

    saluti
    [1] http://wiki.osgeo.org/wiki/Cap%c3%adtulo_Local_de_la_comunidad_hispano-hablante
    [2] http://wiki.osgeo.org/wiki/Geodatos_en_OSGeo-es

  3. Nella conferenza, sicuramente l'argomento avrebbe dovuto essere toccato in una delle presentazioni. Nella rivista, non direttamente, solo Chris Puttick parla brevemente di qualcosa che lo collega, quando gli viene chiesto del ruolo del software libero nella pubblica amministrazione (Pagina 20)

  4. Ciao, una cosa: qualcuno ha parlato dell'applicazione GvSIG per la geomarketing? è quello di pubblicare qualcosa che fa riferimento al mio blog quando l'edizione pdf della conferenza è.

    grazie

  5. Jorge, questi lavori sono già pagati dallo Stato attraverso il budget assegnato all'Istituto. Quando dico lo Stato, è lo stesso del popolo argentino. Insieme paghiamo questi sviluppi, quindi, su nostra richiesta, dovremmo essere in grado di smaltirli liberamente, perché sono già pagati. O forse quando acquisti qualcosa che non vuoi portare a casa con te? Bene, li "compriamo" già ma non ce li danno.
    Che questo accada in altri luoghi ... beh, senza intenzione di offendere, ricorda il detto «Male di molti, consolazione degli sciocchi! .. È qualcosa che dobbiamo esigere. Ci lamentiamo delle tasse ma non chiediamo che ci diano quello che paghiamo con loro ... Non ha senso.

    saluti

  6. Gerardo,

    Juan Ernesto parla di software, non so cosa abbia a che fare con la diffusione di dati liberi.

    Quel problema che lei menziona è generale in quasi tutti i paesi del mondo tranne gli Stati Uniti e il Canada e un altro caso onorevole.

    Almeno in Spagna abbiamo già raggiunto il trasferimento di dati per usi non commerciali da parte di alcune organizzazioni produttrici di cartografia (IGN, Catalogna, Murcia, ...) ma c'è ancora molta strada da fare per avere dati veramente liberi. Per fortuna almeno abbiamo già il software. 🙂

  7. Buona nota Peccato vedere Juan Ernesto Ricket dell'Istituto argentino di geografia militare parlare "dell'importanza dell'uso del software libero nelle istituzioni statali, principalmente municipalità di livello economico limitato", quando, in realtà, è impossibile scaricare elettronicamente i dati GIS su fare uso gratuito dell'Istituto.
    In altre parole, queste persone, che sono dipendenti statali, utilizzando le risorse statali argentini a fare il loro lavoro, e che sembra di risparmiare anche quelle risorse che utilizzano software libero, rifiutare al pubblico scaricare liberamente i dati. Capisco che una carta stampata abbia un costo. Ma la produzione di dati digitali già pagando con precisione il budget stanziato dallo Stato Istituto Argentino.
    Prendiamo l'esempio del Canada, che non richiede nemmeno che qualcuno sia canadese per ottenere i dati del paese….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.