Fuoriuscita di Chapo Guzman, un lavoro altamente ingegnerizzato

Quelli di noi che hanno diretto un'opera di topografia per tunnel, siamo consapevoli della complessità di questa disciplina, della mortalità che rappresenta un secondo di inesattezza nei metri 1,500 e di tutte le misure di sicurezza da prendere.

Tra la prigione El Altiplano e il luogo in cui l'immobile è situato nel lavoro nero, nella bocca del tunnel dove fuggì Joaquin Guzman Loera, c'è uno specchio d'acqua che ha costretto i costruttori a scavare i metri 30 profonde.

Fonti vicine alle indagini hanno spiegato che il tunnel costruito per il leader volo Pacific cartello non è una "linea retta" tra il criminale e proprietà attraverso l'uscita gap, ma ha ondulazioni che hanno permesso ai costruttori di fornire Alcune irregolarità nel campo.

Chapo Guzman

Oltre ai tecnici, la costruzione di Lavori in sotterraneo, specialisti come geometri e geologi hanno partecipato per conoscere le caratteristiche del terreno e non affrontare rischi maggiori.

Le indagini svolte dagli esperti dell'AIC (Criminal Investigation Agency, AIC) hanno permesso di sapere che la terra nella zona è costituita principalmente da tepetate.

Inoltre, la maggior parte del tunnel è stata costruita usando la tecnica della "cupola" che le permette una maggiore resistenza e solo in alcune sezioni è necessario posizionare un telaio per sostenere le pareti.

Chapo Guzman

Altri dettagli rivelati era che il colpo di ingresso al tunnel dalla cella di El Chapo, il numero 20 la sala 2 Centro trattamenti speciali, è circa dieci metri di profondità ed ha una scala in legno per raggiungere il sfondo.

D'altra parte, il divario di uscita alla proprietà di Colonia Santa Juanita è di sette metri, dove c'è anche una scala per uscire.

Ma a questo fine del tunnel è installato anche puleggia meccanica, supportato da un motore elettrico, i ricercatori ritengono che la terra è stato rimosso per la costruzione del passaggio e lo stesso meccanismo potrebbe essere utilizzato per portare il perno di libertà.

Misurare il lavoro svolto dagli esperti del PGR hanno stabilito che lungo il percorso 1.5 chilometri, in alcuni punti, il tunnel raggiunge profondità di dieci 15 e 30 metri al massimo, sotto il corpo di acqua.

----------------------------

È un peccato che un tale lavoro di ingegneria fa parte di un'intera strategia di corruzione e complicità, senza la quale non sarebbe stato possibile passare inosservati.

A prima vista, nulla fa sospettare che questo edificio di lavoro concreto e nero divenne il centro di questa operazione minuziosa che ha permesso la fuga del leader del cartello di Sinaloa dalla sua cella Altiplano I, nel comune di Almoloya del stato del Messico centrale.
La costruzione consiste in una casa con alcune camere da letto e una sorta di magazzino, da dove entri in questo tunnel che raggiunge più di dieci metri di profondità e allungando 1,5 miglia per raggiungere, con una perfezione millimetrica, la doccia (doccia) della cella dove il capo è stato tenuto dopo il suo arresto a febbraio 2014.
In questa casetta precaria, con un tetto in alluminio da cui l'acqua si sfiora, c'è uno spazio in una delle pareti che punta direttamente alla prigione.
Non è difficile immaginare che i seguaci del capo si prendono in guardia di ogni movimento della prigione e, allo stesso tempo, l'ambizione giorno dopo giorno un fine di successo a questo lavoro di ingegneria che, dovuto alla sua complessità, avrebbe dovuto coinvolgere architetti, geologi e ingegneri.
Anche se circa 50 investigatori dell'ufficio avvocato messicano attualmente lavorano nella zona in cerca di ulteriori indizi, una visita al luogo consente di ottenere dettagli minimi ma notevoli dell'operazione di fuga in orchestra.
Nella cantina e attaccata all'accesso al tunnel, c'è una carriola con terra e radiale, i soli riferimenti visibili alle migliaia di metri cubi di materiale che dovevano essere rimossi durante questi mesi.

Chapo Guzman
Un mistero, quello che è accaduto alle tonnellate di terra che hanno tirato fuori dal tunnel e che i vicini dicono di non aver visto, come tanti altri in questo caso che ha arrabbiato l'opinione pubblica è ancora irrisolto.
Il camion, insieme a diverse bevande metà finito, suggeriscono che, fino all'ultimo minuto, è stato costruito cofano fuga, che ha avuto luogo presso l'ora locale 20.52 (01.52 GMT) 11 luglio e ha segnato la seconda volta Guzman sfugge a una sanzione della massima sicurezza messicana.
Inoltre, il magazzino ospita diversi poli di legno (barre), probabilmente utilizzati per sostenere la perforazione, oltre a un foro nel terreno utilizzato per la ventilazione.
Già sotterranea, c'è un primo spazio di circa due metri di profondità, di circa quindici metri quadrati, che serviva come anticamera al tunnel stretto costruito ed è pieno di barre di legno e di un grande generatore di luce, con la capacità di illuminare l'ampio lavoro.
Inoltre, una puleggia elettrica che, come riportato ai membri dell'ufficio pubblico dell'Effetto durante la visita organizzata nei media, è stata utilizzata per rimuovere la terra scavata dal tunnel che inizia una decina di metri sotto.
Dopo aver sceso una dozzina di gradini in legno da una scala ridotta, inizia questo tunnel, che indubbiamente è già parte dell'immaginario collettivo del paese.
Circa un metro di settanta in altezza e quasi un metro di larghezza, ha tubi di ventilazione e installazione elettrica ed è possibile apprezzare le lampadine che hanno servito per illuminare l'oscurità di questo condotto.
Sorprendente dell'installazione, perché nonostante fosse sotterranea, almeno nei primi metri che si sono aperti alla visita, l'aria continua a respirare aria fresca sul sistema di ventilazione.

Chapo Guzman
All'inizio del tunnel, le cui pareti di terra sono rotolato tra le dita e avvertire della fragilità del lavoro, l'ormai famoso moto presumibilmente il perno utilizzato per fuggire rapidamente dopo la fuga attraverso il buco nel 50 da 50 centimetri si osserva aprire nella sua cella.
In questo stesso veicolo, Italika con un serbatoio di carburante supplementare medio caricare il tuo prime due carrozze che sono stati utilizzati per rendere la terra più facilmente accoppiati, e in un angolo di questo piccolo spazio anche osservato un piccolo Carrelli elevatori ancora con diverse batterie mobili.
Oltre a fornire dettagli su questa operazione di fuga di millimetro, la visita al tunnel offre anche aneddoti.
Ad esempio, circa le lunghe ore che i dipendenti di questo lavoro - si stima che la dimensione del condotto non potrebbe essere più di due scavo e due sostenuti dall'entrata - è passato sotterraneo.
Nella parte inferiore della scala che conduce alla galleria, su un pezzo di parete, sorprende due disegni e una scrittura, in blu, e diversi disegni in rosso.
Una croce con l'acronimo INRI, una caricatura di un uomo con occhiali da sole e lunghi baffi e la frase "Lo Berde è Bida, puri bastardi della mota (marijuana)".
Anche se probabilmente il risultato della noia, questi disegni possono acquisire un'altra dimensione in questa grande storia di fascicoli che è il volo di «El Chapo».
Un evento che ha messo sotto controllo l'attuale governo di Enrique Peña Nieto, che evidenzia la corruzione del sistema e danneggia la sua immagine internazionale. E questo ha già segnato il paese per sempre.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.