più Google+

Per quanto riguarda le reti sociali, finora il mio approccio si è mantenuto stabile, lontano da altri la mia posizione era: Twitter di essere a conoscenza, Linkedin per i professionisti e contatti di Facebook per vari usi, che vanno dal gruppo alunni che convitto nella mia adolescenza, monitorare ciò che i miei figli fanno nel loro tempo libero e conoscere un po 'il comportamento dei seguaci di Geofumadas.

Ma ad oggi è stato insostituibile Google per le questioni più che il lavoro, l'hosting di US $ 5 dove arresterà ogni file importante e il motore di ricerca utile per ortografia di dubbi, riferimenti rapidi e ricerca.Google Plus

L'arrivo di Google+, anche se ho avuto la mia incredulità, sono sicura che finirà per modificare leggermente la mia preferenza per Facebook. Anche se non presto, la nuova rete finirà per entrare a far parte di Twitter, Facebook e Linkedin come dominante, ognuno nella sua propria. Per Google si tratta di un nuovo tentativo in un campo che aveva già due scioperi e un fallo, anche se sembra che questa volta ha imparato abbastanza e avrebbe dovuto fare troppi errori per non riescono, per fare bene il segno + potrebbe diventare una parte naturale della nostra navigazione quotidiana.

Che cosa è facebook

Questa rete non ha motivo di morire, anche se dovrà trovare modi per migliorare quello che odiano gli utenti. Per dare alcuni esempi:

-La funzionalità di scrittura degli articoli, che ci sorprende, è ancora così grezzo nonostante la miriade di librerie WYSIWYG che viaggiano. Quindi mantengono una versione piuttosto funzionale che non può essere eliminata in una pubblicazione finale, nei modelli di modifica o negli script di inserimento.

-Interface test non interrogati. Più di una volta abbiamo voluto sapere perché hanno messo una vista nera sulla navigazione delle immagini o sul pannello laterale illogico per l'elenco degli utenti connessi senza possibilità di raggrupparli o scrolear che è venuto senza spiegazioni di avvertenza o di usabilità.

-Un altro caso simile è il cambiamento dei gruppi di Facebook, finora per più di quanto ho cercato, non sono stato in grado di creare una scheda per scrivere o foto, che vanno al fondo dell'abisso senza avere una forma per organizzarli. Né puoi migrare vecchi gruppi a nuovi.

Mentre ci sono più di 800 milioni di utenti, sono lì perché sono i loro amici e proprio per questo le aziende si trovano all'interno (niente di meno che 70%). Dovresti vedere cosa succede quando queste persone vedono che possono fare lo stesso senza lasciare Gmail, di passare nel blog o nella pagina aziendale, leggere i documenti di Office configurare l'aspetto, visualizzare statistiche dei visitatori e altre cose senza rischiare la privacy.

E Google+

Con Google+ questo sarà risolto con il motore di ricerca integrato, i blog di Google (ex Blogger) e chi sa se un giorno può anche da quel redattore gestire WordPress o Drupal. Con un buon gestore di Twitter, l'uccello continuerà a vivere, ma legge dall'esterno.

La verità è che cose come la ricerca all'interno di Facebook o la creazione piace impatto sui risultati, Google può implementarli; non così Facebook, spostando l'equilibrio di interesse commerciale che rappresenta il traffico.
Così, la magia di Facebook deve ricorrere a ciò che lo ha portato lì: inventiva da ciò che occupano all'interno dei loro utenti, al di là della fattoria di pollo e degli annunci sidebar.
Google+ si concentrerà su ciò che le persone già fanno nei loro strumenti e la peste usabilità testata su Facebook, ma migliora e dà più profitto alle imprese. La fine non mi sorprende vincere la battaglia di Google, perché hanno più armi, sono più perverso e tutti hanno bisogno è 800 milioni di utenti all'interno e può fare finitura Facebook come Hi5! dalla sua rigidità alle attività di terzi.

Io, mentre lascio che i cerchi crescano naturalmente, aspetti di vedere Google+ per affari e di sapere come altri stanno facendo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.