Plex.Earth, un buon esempio di penetrazione nel mercato ispanico

Proprio oggi è stata rilasciata la versione spagnola della pagina PlexScape, che oltre all'edizione originale in lingua greca esisteva anche in inglese e francese.

Ci sembra un gesto significativo, di cui abbiamo visto indicazioni da prima, poiché Plex.Earth all'interno delle sue più di 10 lingue già incluse spagnolo nella versione 2.0.

Ebbene, non per gusto è la seconda lingua più utilizzata su Google. Ma ciò è dovuto anche ad una marcata tendenza verso questo settore, che rappresenta ben 500 milioni di persone, sebbene distribuite nel mondo, sono concentrate nel continente americano e nella penisola iberica. Un settore che ogni giorno matura come mercato, dove a poco a poco aziende e professionisti hanno compreso l'importanza di utilizzare legalmente il software e le amministrazioni ad adottare politiche per rendere sostenibili gli investimenti nel segmento tecnologico.

Un fatto noto è anche prezioso, hanno usato una traduzione umana, che dà al contenuto un po 'di chiarezza, contrariamente a quanto Google Translate produce nel suo miglior tentativo di comprendere i nostri capricci linguistici.

strumenti plexearth per autocad

Geofumadas tiene traccia di Plex.Earth da due anni, quasi vicino alla sua creazione. Ora posso immaginare il suo creatore (un ingegnere civile), ponendosi tre domande che sicuramente molti si erano incrociati nel mezzo:

Potrebbe essere possibile avere Google Earth in AutoCAD per approfittare delle immagini satellitari e dei servizi WMS serviti?

E potrebbe essere possibile disegnare su Google Earth, con la precisione che offre AutoCAD e salvare i dati nel dwg?

Potrebbe funzionare con qualsiasi versione di AutoCAD?

Sappiamo che l'argomento è di interesse generale per qualsiasi parte del mondo, ma il nostro contesto latinoamericano è un segmento più interessato a sfruttare Google Earth. Se vivi in ​​Olanda, e vuoi un'immagine digitale, ti connetti solo ai servizi wms che la offrono gratuitamente, se quello che vuoi è l'ortofoto vai solo con l'Istituto Catastale e lo acquisti a un prezzo ragionevole o gratuitamente con un accordo di Scambio di mappe su larga scala.

Ma se vivi in ​​America Latina ... (con pochissime eccezioni), l'ortofoto presa dal Catasto Nazionale con fondi pubblici non è disponibile, se non hai un documento firmato dal Presidente, è che non ce l'hanno più o devi pagargli un morso all'impiegato per vendertelo basso basso. In altri casi lo vendono, ma il prezzo è in fondo alla lista ... che non ottieni nemmeno quando vedi il prezzo ti chiedono le mappe catastali in formato cartaceo.

Quindi Google Earth, con i suoi limiti, diventa attraente. Con un buon criterio di adeguamento delle indagini sul campo, è finito per essere una soluzione alla debolezza istituzionale e all'astuzia di sfruttare la risorsa che non esiste.

Almeno in queste recensioni abbiamo parlato di loro:

Siamo lieti di vedere i cambiamenti che sono stati suggeriti, riflessi nell'ultima versione, anche che vedevano lo spagnolo come una possibilità. Parlando con uno dei suoi creatori, mi ha fatto riferimento che quasi un terzo dei suoi attuali clienti parla spagnolo.

Da parte nostra, vi diamo il benvenuto e speriamo che questo prodotto rivoluzionario sarà diffuso, forse il miglior connettore tra Google Earth e AutoCAD.

http://plexscape.mx/

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.