Chi ha spostato il mio formaggio?

 Geoinggformatics postgis Mi piace molto la geoinformatica, oltre ad essere una rivista con un ottimo gusto nel layout, i contenuti sono molto buoni in materia geospaziale. Oggi è stata annunciata la versione di aprile, dalla quale ho tratto alcuni testi evidenziato in rosso per motivarli alla lettura succulenta.

En versioni precedenti Ne ho fatto una rassegna, oggi ho preso come oggetto del post un articolo breve ma molto profondo sulla resistenza al cambiamento che c'è nel fare il salto verso le tecnologie open source. Si basa su quella vecchia storia del topo che stava per morire perché il suo formaggio si era esaurito e cercare un'altra fonte era contro i suoi principi; L'ho solo pensato "Avevano spostato il suo formaggio".

Formaggio pq Ed è che molte volte coloro che osano menzionare le parole "gpl", "open source", "free", "gnu" o simili tendono ad essere visti come alieni usciti da una capsula spaziale con un occhio sulla fronte. Siamo così abituati a vedere il logo di Windows che tutto ciò che non gira su questo dinosauro sembra complicato, le statistiche lo dimostrano, le persone preferiscono Internet Explorer a Mozilla, per fare un esempio. In questa edizione di Geoinformatics continuiamo a parlare di tecnologie aperte, in questo caso PostGIS e la loro capacità di lavorare con i database, che riteniamo sia una buona campagna perché in precedenza avevano mostrato gvSIG y Quantum GIS.

Nei miei ultimi anni ho fatto i test usando programmi "non convenzionali" come molteplice, Microstazione, gvSIG e IntelliCAD; i risultati sono stati gli stessi e anche migliori, ma questo mi ha fatto vedere come "complicato". Lo ammetto, di solito lo sono, ma è necessario considerare che in questa vita va ricercata l'innovazione, purché non sia all'estremo presa dai capelli; Mi piace l'editoriale di Eric Van Rees quando insinua "cosa potrebbe pensare Google Earth, forse sotto la superficie".

Sono consapevole che il mondo non cambierà da PC a Linux per molti anni e forse mai, ma le tecnologie open source sono un argomento che sta suonando in molti paesi con grande forza ea meno che non emergano nuovi modelli di business che superano le grandi crisi ciclico, il tempo ci darà ragione. In caso contrario, come ha detto un allenatore di calcio, acquisiamo esperienza.

Formaggio pqUno di questi giorni le persone devono capire che non si può vivere piratando AutoCAD, che lì c'è IntelliCAD con un prezzo molto più basso e persino QCad a un valore simbolico; ovviamente, se hai i soldi e l'onore, devi acquistare da AutoDesk. È anche necessario capire che 300 comuni non possono permettersi una licenza ArcGIS Server per $ 35,000, nemmeno tutti ne hanno bisogno (o le altre estensioni), ma che è possibile fare lo stesso (o più) con alternative per uso economico come Manifold, Global Mapper, gvSIG, QGis o Grass. Mi piace una riflessione di James Fee che dice ironicamente "¿L'accesso tramite ftp è il migliore che puoi fare? "

Alla fine, potremmo passare del tempo e sputare a parlarne, è probabile, ma coloro che provano nuovi modi di fare lo stesso a un prezzo inferiore ottengono il vantaggio di imparare di più da soli. Amo l'insistenza della Geoinformatica in questa edizione, per aver fatto del culto dell'intuizione autodidatta una necessità dell'uomo.

Che queste tecnologie diffondere, è in dubbio.

... per ora.

------------------

Oh, dai un'occhiata alla rivista, che parla di:

  • Geoinggformatics postgis Il Trimble Juno SC
  • Come è l'istruzione GIS nelle scuole?
  • CityGML, uno standard in pratica
  • Buone pratiche nell'attuazione del GIS, una nuova pubblicazione di ESRI
  • Integrazione di GIS e GRID nella gestione dei disastri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.