Twingeo lancia la sua quarta edizione

Geospatial?

Siamo giunti con grande orgoglio e soddisfazione alla 4a edizione di Twingeo Magazine, proprio in questo momento di crisi globale che, per alcuni, è diventato il motore trainante di cambiamenti e sfide. Nel nostro caso, continuiamo a imparare - senza fermarci - di tutti i vantaggi che offre l'universo digitale e l'importanza di includere le risorse tecnologiche nel nostro lavoro comune.

Dopo più di 6 mesi che vivono la pandemia Covid 19, stiamo vedendo sempre più rapporti, strumenti e soluzioni basati sull'industria geospaziale per il monitoraggio del virus. Aziende come Esri hanno messo a tua disposizione strumenti di analisi e gestione dei dati spaziali per determinare l'espansione. Quindi, viene data importanza al termine "geospaziale"? Comprendiamo il potenziale che può offrire?

Sapendo che stiamo già entrando nella quarta era digitale, siamo sicuri di poter gestire tutto ciò che i dati geospaziali implicano? Gli attori coinvolti nello sviluppo tecnologico, nell'acquisizione dei dati, nell'esecuzione di piani e progetti, sono davvero a questo livello? grande rivoluzione?

Cominciamo a chiederci se dalle fondamenta dell'educazione l'Accademia sia pronta ad affrontare le sfide di questa quarta era digitale. Ricordiamo cosa ci si aspettava dal futuro 4 anni fa? E pensiamo a qual è il ruolo delle geoscienze e della geomatica oggi? Cosa ci aspetta nei prossimi anni? Tutte queste domande sono state poste sul tavolo a Twingeo, precisamente nell'articolo centrale che racchiude il tema principale della rivista “Prospettiva geospaziale”.

“Ci sono cicli di esplosione nell'innovazione. In questo momento stiamo per vedere un inizio "

C'è una frase molto interessante che si adatta alle preoccupazioni che abbiamo menzionato: "Per sapere dove stiamo andando, devi sapere da dove veniamo". Se vogliamo scoprirlo, c'è molto lavoro da fare.

Qual è il contenuto?

La recente pubblicazione si concentra sulla “Prospettiva geospaziale”, dove si riflette come è stata - e in alcuni casi come dovrebbe essere - l'evoluzione della comunicazione tra esseri umani-ambiente-tecnologie. La stragrande maggioranza di noi è chiara che assolutamente tutto ciò che facciamo è geolocalizzato, -la nostra realtà è legata al territorio che abitiamo-, il che significa che le informazioni generate tramite dispositivi mobili o altri tipi di sensori hanno una componente spaziale. Pertanto, creiamo costantemente dati spaziali, che ci consentono di identificare modelli per il processo decisionale a livello locale, regionale o globale.

Quando si parla di "geospaziale", la maggior parte potrebbe associarlo al GIS dei sistemi di informazione geografica, ai droni, alle immagini satellitari e altri, ma sappiamo che non è solo questo. Il termine "geospaziale" comprende tutto, dai processi di acquisizione dei dati all'inclusione del ciclo AEC-BIM per ottenere follow-up e dettagli dei progetti. Ogni giorno più tecnologie includono la componente geospaziale nelle loro soluzioni o prodotti, affermandosi come una caratteristica innegabilmente essenziale, ma non necessariamente il suo prodotto finale si rifletterà su una mappa.

In poco più di 50 pagine, Twingeo raccoglie interessanti interviste a personalità del settore geospaziale. A cominciare da Alvaro Anguix, Direttore Generale dell'Associazione gvSIG, che ha parlato di “Dove sta andando il software GIS libero”.

Una domanda a cui in un certo modo abbiamo saputo rispondere noi stessi quando abbiamo partecipato alla 15 ° gvSIG International Conference, dove abbiamo fatto parte di un ambiente di professionisti e studiosi dello spazio geografico che hanno mostrato le loro storie di successo utilizzando questo potente strumento. Ha evidenziato la notevole crescita che ha avuto la comunità gvSIG, una prova in più per capire che il trend relativo all'uso del software libero continua a moltiplicarsi nel tempo.

"Al di là dell'espansione dell'uso del GIS, questo ha una chiara conseguenza già nel presente e che nel prossimo futuro aumenterà". Alvaro Anguix

Una delle questioni più controverse in relazione al GIS è il dibattito sull'uso di software libero o proprietario e sui vantaggi che l'uno o l'altro ha. La realtà è che ciò che un analista o un professionista della geoscienza cerca maggiormente è che i dati da gestire siano interoperabili. In base a ciò, verrà scelta la tecnologia che fornisce in modo efficace ed efficiente gli strumenti per ottenere il massimo dai dati, se a sua volta non ha licenza, aggiornamento, costi di manutenzione e il download è gratuito, è un plus da considerare.

Cerchiamo anche opinioni di personalità come Wang Haitao, Vice Presidente di SuperMap International. Haitao ha partecipato a questa 4a edizione di Twingeo per rivelare dettagli e opinioni su SuperMap GIS 10i e come questo strumento offra ampi vantaggi per l'elaborazione dei dati geospaziali.

"Rispetto ad altri fornitori di software GIS, SuperMap presenta grandi vantaggi nei Big Data spaziali e nella nuova tecnologia GIS 3D"

Come parte del tema principale della rivista, Jeff Thurston canadese professionista GIS ed editore di numerose pubblicazioni geospaziali, parla di "101st Century Cities: Construction and Infrastructure XNUMX".

Thurston sottolinea la necessità di una corretta istituzione di infrastrutture in luoghi che non sono considerati metropoli, poiché generalmente gli attori locali si concentrano sullo sviluppo tecnologico e spaziale delle grandi città introducendo: sensori, intelligenza artificiale - AI, digital twin - Digital Twins, BIM, GIS , tralasciando aree potenzialmente importanti.

"Le tecnologie hanno superato da tempo i confini, ma la politica e la gestione GIS e BIM non sono riuscite a raggiungere il livello più alto di utilizzo ed effetto".

Promuovere la crescita delle conurbazioni attraverso l'introduzione di nuove soluzioni geospaziali potrebbe essere la chiave per ottenere un ambiente intelligente. Potremmo immaginare un mondo in cui le informazioni potrebbero essere disponibili e modellate in tempo reale, pensiamo di sì.

Va anche detto che Twingeo rivela le nuove strategie, collaborazioni e strumenti che i giganti della tecnologia portano come:

  • L'aggiunta di nuove pubblicazioni al Bentley Institute of Bentley Systems,
  • Vexcel, che ha recentemente rilasciato UltraCam Osprey 4.1,
  • Here e la sua partnership con Loqate, per l'ottimizzazione delle consegne
  • Leica Geosystems con il suo nuovo pacchetto di scansione laser 3D e
  • Nuove pubblicazioni da Esri.
  • Accordi tra il governo scozzese e la PSGA Geospace Commission

Contemporaneamente, troverai l'intervista con Marc Goldman, Direttore dell'ingegneria dell'architettura e delle soluzioni per l'industria delle costruzioni per Esri Stati Uniti. Goldman ha espresso la sua visione sull'integrazione BIM + GIS e sui vantaggi che questa relazione porta alla formazione delle città intelligenti. Questa è stata un'altra delle domande tra esperti del settore edile e geoscienziati, quale dei due è il più adatto per gestire i dati spaziali e modellarli? Non dovremmo necessariamente separarli l'uno dall'altro e di più quando insieme offrono migliori risultati.

"Per sfruttare tutto il potenziale del BIM, i flussi di lavoro di integrazione tra BIM e GIS devono essere integrati". Marc goldman

In ogni caso, la creazione o l'istituzione di una Smart City o Smart City, richiede l'alimentazione della componente geografica. Tutti i suoi elementi devono essere chiaramente geoposizionati -informazioni, sensori e altro-, non possono essere sistemi isolati se lo spazio deve essere modellato il più vicino possibile alla realtà.

Parlando di BIM, una grande notizia è il BIMcloud as a Service della società ungherese GRAPHISOFT, nota per offrire soluzioni di modellazione attraverso il suo software leader ARCHICAD, e ora impegnata nella creazione di piattaforme di archiviazione dati basate su cloud.

"BIMcloud as a service è esattamente ciò di cui gli architetti hanno bisogno per trasferirsi al lavoro da casa senza perdere un colpo"

Il caso studio di questa edizione si intitola “6 Aspetti da considerare nell'integrazione del Registro-Catasto”. In esso, l'autore Golgi Alvarez - Editore di Geofumadas-, esprime come il lavoro congiunto tra il Catasto e il Registro delle proprietà possa rappresentare una sfida molto interessante per i processi di modernizzazione dei sistemi dei diritti di proprietà.

In una lettura molto piacevole, ci invita a porci domande sulla standardizzazione delle procedure catastali, il cambiamento nella tecnica di registrazione, il collegamento della registrazione della registrazione e le sfide da affrontare nel prossimo futuro.

Maggiori informazioni?

Non resta che invitarti a goderti questa lettura, e per sottolineare che Twingeo è a tua disposizione per ricevere articoli relativi alla Geoengineering per la sua prossima edizione, contattaci tramite le mail editor@geofumadas.com y editor@geoingenieria.com.

Sottolineiamo che per ora la rivista è pubblicata in formato digitale - dai un'occhiata qui-, se richiesto fisicamente per eventi, può essere richiesto al servizio di stampa e spedizione a richiesta, oppure contattandoci tramite le email precedentemente fornite. Cosa aspetti a scaricare Twingeo? Seguici su LinkedIn per ulteriori aggiornamenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.