Dieci ragioni principali per rendere noti i dati territoriali

In un interessante articolo di Cadasta, Noel ci dice che mentre più di 1,000 leader mondiali in diritti territoriali ci siamo incontrati a Washington DC a metà dello scorso anno per Conferenza annuale del Territorio della Banca Mondiale e Povertà, l'aspettativa che esiste riguardo alle politiche in termini di raccolta dei dati per misurare il progresso globale verso la documentazione e il rafforzamento dei diritti territoriali per tutti, donne e uomini.

È fondamentale per noi riconoscere e discutere l'enorme potenziale di questi stessi dati, quando sono resi pubblici e accessibili, per potenziare le comunità.

Quando i governi rendono pubblici i loro dati sull'uso della terra, inclusi i diritti e le concessioni, gli ambientalisti e le comunità indigene possono vedere quali terre sono protette e quali terre sono minacciate. Gli agricoltori possono acquisire fiducia vedendo che i loro diritti sono adeguatamente documentati. Le banche possono confermare chi ha documentato i diritti e concedere prestiti per sostenere l'acquisto di semi e fertilizzanti di migliore qualità. E gli agenti di estensione agricoli possono identificare e sostenere l'uso sostenibile della loro terra da parte dei piccoli agricoltori e delle comunità indigene.

Attualmente siamo lontani da questo obiettivo. I diritti della percentuale 70 di terreni nelle economie emergenti rimangono privi di documenti. La documentazione sui diritti di terra e risorse è spesso obsoleta o errata. Criticamente, questi record sono raramente accessibili al pubblico. In effetti, secondo il Rapporto del barometro dei dati disponibili, i dati relativi alla terra sono tra le serie di dati meno probabilità di essere disponibili al pubblico. Il rapporto sostiene che i dati territoriali sono,

"Raramente disponibile online, difficile da trovare quando disponibile e, molto spesso, dietro i muri di pagamento."

I cosiddetti "Payment Wall" limitano il numero di aziende che possono creare servizi basati sulle informazioni. E rafforza lo status quo di coloro che hanno il potere derivato dall'accesso alle informazioni e coloro che non hanno potere.

Mentre i governi progressisti e la comunità internazionale di sviluppo utilizzano nuove tecnologie innovative per documentare e rafforzare i diritti territoriali, dovrebbero analizzare e valutare, all'inizio delle loro attività, i benefici e i rischi dell'apertura di tutto questo o molto altro. informazione al pubblico.

Riconosciamo che le migliori pratiche non possono basarsi semplicemente sui protocolli nelle economie avanzate. Rilasciare il nome di un proprietario in un paese altamente sviluppato e relativamente equo può aiutare a prevenire la corruzione. Ma rivelare le stesse informazioni in un paese con documentazione di terreni meno formali o con alti tassi di disuguaglianza può comportare l'espropriazione o lo spostamento di comunità vulnerabili.

Detto questo, l'apertura di tutti o alcuni dati al pubblico non può essere esclusa immediatamente perché è considerata troppo rischiosa.

Ci sono buone ragioni per aprire i registri della terra, se del caso, al pubblico. L'infografica illustrata di seguito elenca dieci motivi:

  • Aumentare la prosperità e lo sviluppo
  • Ridurre la corruzione che si verifica durante l'esecuzione delle procedure
  • Aumentare le entrate fiscali
  • Evitare il furto
  • Rafforza la risposta ai disastri
  • Aumentare la salute della popolazione
  • Promuove la conservazione dell'ambiente
  • Supporta la gestione sostenibile
  • Aumentare l'efficienza
  • Migliorare la sicurezza pubblica

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.