Lasciando il Venezuela alla Colombia - My Odyssey

Hai mai sentito il corpo senza anima? L'ho sentito ultimamente. L'organismo diventa un'entità inerte che senti che vive solo perché respira. So che deve essere difficile da capire, e ancor di più quando prima tendevo a vantarmi di me stesso come una persona positiva, piena di pace spirituale ed emotiva. Ma quando tutte queste caratteristiche svaniscono, inizi a sentire che niente ti fa male o ti importa.

Al di fuori degli aspetti ideologici, politici o contestuali, proprio per rispondere alla richiesta di Golgi lo dico. Tutti possono interpretare ciò che dicono loro i media, soprattutto a livello internazionale. Ecco, vi lascio come è stata la mia odissea di lasciare il Venezuela per la Colombia.

Come era tutto per me in Venezuela, prima di questa crisi.

La mia pace è finita quando tutto ha cominciato a cambiare in Venezuela, anche se non sono riuscito a determinare quando è crollato, con questa invasione di problemi che non avrei mai immaginato sarebbero accaduti. Né so come si stesse evolvendo nella mia mente come un'epifania, la decisione di lasciare il mio paese e la mia famiglia; che, fino al sole di oggi, è stata la cosa più difficile che ho dovuto vivere.
Ti dirò come è stato il mio viaggio per lasciare il Venezuela, ma prima, inizierò descrivendo come ho vissuto nel mio paese. Era come un paese normale; Potresti sentirti libero di fare qualsiasi cosa, guadagnare il tuo duro lavoro, vivere la tua terra e i tuoi spazi. Sono cresciuto sulla base di una famiglia unita, in cui anche i tuoi amici sono i tuoi fratelli e capisci che i legami di amicizia diventano praticamente legami di sangue.
Mia nonna era colui che comandava, lei era il pilastro della famiglia, perché è che tutti diventiamo uomini produttivi, come si dice nella mia terra echaos pa 'lante. I miei quattro zii sono la mia fonte di ammirazione, e i miei primi cugini ...che sono più fratelli dei cugini- e mia madre, la mia ragione di vita. Mi svegliavo ogni giorno grato di appartenere a quella famiglia. Mi è venuta in mente la decisione di partire, non solo per la necessità di progredire, ma anche per il futuro di mio figlio. In Venezuela, anche se ogni giorno mi spaccavo la schiena e facevo mille cose per essere migliore, tutto era ancora peggio di prima, mi sentivo come se fossi in una competizione Survivor, dove solo i vivi, i molestatori e il bachaquero erano il vincitore.

La decisione di lasciare il Venezuela

Ho capito i colpi che in Venezuela non esistono opportunità, anche i più elementari hanno dei difetti: mancanza di servizi elettrici, acqua potabile, trasporti e cibo. La crisi ha raggiunto la perdita di valori nelle persone, si potevano vedere persone che vivevano solo pensando a come danneggiare gli altri. A volte, mi siedo per pensare se tutto ciò che è accaduto è perché Dio ci ha abbandonato.
Ho avuto qualche mese a pianificare il viaggio nella mia testa, a poco a poco sono riuscito a raccogliere circa 200 dollari. Nessuno lo sapeva, né ci si aspettava che fossero sorpresi. Due giorni prima di partire ho chiamato mia madre e le ho detto che sarei andato in Perù con alcuni amici (amici), e che quel giorno sarei stato al terminal a comprare il biglietto dell'autobus che sarebbe arrivato alla mia prima fermata, la Colombia.
Qui è iniziata la tortura, lì come molti sapranno, niente funziona come in altri paesi, è impossibile acquistare un biglietto o un biglietto di viaggio in qualsiasi momento si voglia. Ho passato i due giorni dormendo nel terminal, aspettando l'arrivo di uno degli autobus, dato che la flotta aveva solo due auto a causa della scarsità di pezzi di ricambio. I proprietari della linea hanno passato un elenco ogni 4 ore per le persone per garantire la posizione, con la loro frase:

"Chi non è qui quando passa la lista, perde il suo posto"

La partenza dal Venezuela

È stato fantastico essere in un mare di persone che avrebbero intrapreso la stessa strada come me, uomini, donne e bambini in quel terminal; che certamente devo evidenziare, è stato orribile, ha un cattivo odore e quella folla di persone ti ha fatto sentire claustrofobico.

Ho aspettato i miei due giorni lì, in fila per acquistare il biglietto. Non avevo iniziato e quel senso di pessimismo che la crisi ci ha portato mi ha fatto venire voglia di mollare, ma non l'ho fatto. Mi ha aiutato il fatto di avere amici al mio fianco e ci siamo tutti sostenuti a vicenda per farci sentire meglio; tra battute e telefonate dei miei parenti. Poi è arrivato il momento di salire finalmente sull'autobus per San Cristóbal - Stato di Táchira. Il prezzo del biglietto era 1.000.000 di Bolívares Fuertes, quasi il 70% di un salario minimo in quel momento.

Hanno passato ore seduti sull'autobus, la cosa buona è che almeno avevo il Wi-Fi per collegarmi, ho visto come in diverse sezioni c'erano i posti di blocco della Guardia Nazionale, e l'autista ha fatto una brevissima sosta, dove ha dato i soldi per continuare. Quando sono arrivato a San Cristóbal erano già le 8 del mattino, dovevo trovare un altro mezzo per arrivare a Cúcuta. Abbiamo aspettato e aspettato, non c'era nessun tipo di trasporto, abbiamo visto gente che passava con le valigie, però non abbiamo rischiato e abbiamo deciso di restare lì. L'attesa è durata due giorni, tutti dormivano in una piazza, finché non abbiamo potuto prendere un taxi collettivo, ciascuno pagato 100.000 Bolívares Fuertes.

Siamo partiti per 8 al mattino in questo tratto a Cúcuta, che era il più pericoloso, abbiamo dovuto passare attraverso 3 alcabalas, uno dal CICPC, un altro dalla polizia nazionale bolivariana e l'ultimo dalla guardia nazionale. In ogni alcabala ci hanno perquisito come se fossimo dei delinquenti; cercando quello che potevano portare via, avevo solo pochi oggetti, niente di valore e 200 $; che ho tenuto in un posto praticamente inaccessibile

All'arrivo erano già le 10 del mattino e si vedevano persone che si facevano chiamare consiglieri. Queste -presumibilmente- Hanno accelerato il processo di sigillatura della carica di uscita tra 30 e 50 $, ma non ho prestato attenzione a nessuno, ci siamo fermati al ponte per fare la fila e infine entrare in Cúcuta. Fu fino al giorno successivo a 9 quella notte che riuscimmo a sigillare il passaporto di uscita.

Ci dissero che per timbrare il passaporto d'immigrazione colombiano dovevamo avere il biglietto per la prossima destinazione, e dato che erano le 9 di notte, non c'erano biglietterie aperte per acquistare il biglietto per la mia prossima destinazione. La gente urlava.

stanno per chiudere il confine, quelli che non hanno un biglietto devono restare qui, non saranno in grado di andare al prossimo punto di controllo.

La situazione si fece più intensa e preoccupante, vedemmo persone spaventate che prendevano posizioni informali e ci dissero:

Devono decidere rapidamente cosa fare, dopo il 10 della notte i guerriglieri paramilitari passano chiedendo soldi e prendendo tutto da tutti.

Miracolosamente, nella mia disperazione per non sapere cosa fare, apparve un consigliere che risultò essere un amico da dove vivevo a Caracas, portò me e i miei amici nell'ufficio del proprietario di una delle linee di autobus, ci vendettero ogni passaggio in 105 $ e ci hanno risolto uno spazio per dormire, fino al giorno successivo.  

Quella notte non potei riposare, penso che i momenti che trascorsi in quei giorni mi mettessero in stato di allerta nervosa, quando arrivò il mattino, facemmo la fila per sigillare il passaporto in immigrazione dalla Colombia, e finalmente potemmo entrare.  

Non tutti hanno la felicità di passare, come me. Chi pensa di emigrare dovrebbe prendere precauzioni; Questo viaggio sembra breve, ma non è facile attraversare nessuna delle situazioni che ho vissuto e che ho anche visto. Ci sono cose che preferisco semplicemente dimenticare.

Uno vorrebbe dire il migliore del proprio paese, perché il patriottismo è portato da tutti, l'amore per la terra in cui siamo nati, da una bandiera che ti fa piangere quando la vedi sulla camicia di qualcuno che chiede monete in un angolo di Bogotà. 

Questa sensazione è dura, per voler essere vicino alla tua famiglia. Ero sempre ottimista, anche nelle difficoltà; E anche se ho fede, tutto questo toglie una speranza a breve termine. L'unica cosa che non si perde è l'amore per la famiglia. Per ora, voglio solo che mio figlio abbia un futuro migliore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.