Il tuo software preferito dovrebbe morire

il tuo software dovrebbe morire Il numero di questo mese di PC Magazine è carico di frasi con questo livello di ironia contro la grande popolarità di Microsoft e in particolare del sistema operativo Windows. Voglio dedicare questo post a Nadia Molina, che lascia PC Magazine, ci mancheranno la sua talpa e la sua voce inconfondibile sui podcast, ma di lei sappiamo di lei attraverso di lei  Blog personale.

Tornando al tema del mese, John Dvorak, con un tema pesante "Windows dovrebbe morire" propone che dopo 25 anni di storia, si debba ammettere che il sistema operativo più popolare non può progredire ulteriormente ... non nel modo in cui sta accadendo. Nel frattempo, Lance Ulanoff fa un contrasto di come altre cose sono cambiate in 25 anni e che un riavvio di Windows è quasi impossibile; il tuo tema "Più dello stesso? No! " è decisivo.

Ed è Steve Ballmer pochi mesi fa, dopo il cattivo gusto che ha provocato Windows Vista ha osato dire una delle frasi che scendono nella storia nel Idiotipedia. Ha affermato che se il 97% delle persone utilizzava Windows, quella era la dimostrazione più chiara che il PC era migliore del Mac, un modo tragico per misurare la qualità in base al volume di consumo. Quindi mostrando Windows 7 osa dire che non è altro che Windows Vista leggermente migliorato. Wow!

Nelle tecnologie, gli utenti non hanno molta libertà di scelta, non se vogliamo che i processi implementati siano sostenibili. È vero che nessuno ci mette il coltello addosso per comprare il programma più costoso sul mercato, ma la legge di Moore è stata incaricata di mantenere il monopolio dei grandi marchi commerciali per assassinare piccole iniziative la cui quota di mercato è insignificante e di conseguenza commercialmente insostenibile. Vediamo come le tecnologie innovative che trasformano un grande software di marca intorno alla metà sono viste con disprezzo a causa della relativa carenza di fan; al contrario, i grandi, invece di combattere i loro difetti, cercano solo di saturare le diverse nicchie, mutando il loro molte volte "modo assurdo di prenderci".

Non è così facile dire "per i gusti, i colori”, Perché il ciclo di vita delle mode di abbigliamento, sebbene più breve, è riciclabile; qualcosa che non accade nell'ambiente tecnologico. Personalmente preferisco implementare questi marchi di massa, per la facilità di reperire risorse umane per utilizzarli, il supporto commerciale e la garanzia che non moriranno (molto presto). Ma devo ammettere che farlo con soluzioni a basso costo sarebbe più facile sia nel prezzo che nella praticità e nella facilità di creare nuove funzionalità. Nel soppesare entrambi i lati della bilancia, tra renderlo più costoso e difficile o renderlo "incerto sostenibile", è ovvio che il primo rischio è più accettabile del secondo.

Curiosamente, la seconda parte della pubblicazione di PC Magazine viene scoperta lanciando una buona quantità di fiori ai computer e alle applicazioni Apple, cosa che fanno da molto tempo. Ci congratuliamo con te per questo gesto, non solo per aver creduto di avere ragione ma perché in questi tempi, quando scrivere per l'opinione della maggioranza è una misura del successo e nuotare contro corrente richiede coraggio nel formato "Persea"; lo fanno se ricordiamo che la versione inglese di questa rivista è scomparsa un paio di mesi fa (in stampa).

Chi ha provato Linux sa che è più efficiente di Windows, che lo canta al cielo invece di criticare il prato del vicino, anche se lo fa solo per i suoi 22 visitatori giornalieri. Ma devi essere coerente e imparziale in questo, facendo attenzione a non cadere nell'estremo della costante incredulità e del pessimismo improduttivo. Alla fine della strada, la passione per trovare nuovi modi di fare le cose porterà a risultati migliori e il tempo ci darà ragione.

Concludendo questo post consiglio come esercizio obbligatorio, nella privacy dei 45 centimetri che ci separano dal monitor, qualche minuto per riflettere se i nostri programmi più utilizzati nel mondo geospaziale possano camminare sulla bara anche sulle nostre spalle. Se le innovazioni degli ultimi otto anni hanno prodotto una maggiore efficacia nei processi massivi, se nuovi modi di fare hanno diminuito i passaggi e la necessità di aumentare la memoria RAM equivale alla quota di innovazione e sviluppo prodotto nelle routine quotidiane.

Nonostante tutto, dà vita al re.

Una risposta a "Il tuo software preferito deve morire"

  1. Vorrei che un vecchio software "morisse" !!
    Penso alle catastrofi stabilite, sia a causa dei costi, delle caratteristiche o dei metodi di lavoro, e mi vengono in mente diversi esempi.
    Il mostro ESRI, ad esempio, addebita migliaia di US $ per ciascun modulo, rispetto a Manifold e molti altri "gratuiti"; In Graphic Design, Illustrator, tutti dicono che è il migliore semplicemente perché è il più installato negli studi di Design (vorrei sapere quanti di quelli che pensano di aver lavorato in modo professionale con CorelDraw, Freehand, InkScape ..)
    Hotmail contro Gmail o Yahoo ... Video VHS contro Sony Betamax ... Wild Capitalism contro NeoSocialism ... e ci devono essere tanti altri esempi di tecnologie / conoscenze lontane dall'essere le migliori ma che sono quelle che sono "affermate" grazie al mercato benedetto e chissà quali altri disegni.
    Saluti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.